«I LOVE YOU, HONEYBEAR - Father John Misty» la recensione di Rockol

Father John Misty - I LOVE YOU, HONEYBEAR - la recensione

Recensione del 24 feb 2015

La recensione


di Gianni Sibilla

Un fricchettone maturo. Un ossimoro, insomma. Il secondo album di Father John Misty, alias Josh Tillman, membro dei Fleet Foxes, è uno stupendo e strano concentrato di suoni e canzoni, senza tempo.
Già, perché se il mondo di provenienza è quello del suono neo-nostalgico - alla produzione c'è ancora una volta Jonathan Wilson, campione di quel genere - oggi Father John Misty è un artista stupendamente inclassificabile. Per capire, il disco si apre con una ballata molto, molto classica, per piano, chitarra acustica ed archi.



Poi, nel momento in cui inizi a pensare che sia quello il gioco, stupendo, arrivano gli echi di Rufus Wainwright di "Chateau lobby", a cui fa seguito l'elettronica di "True affection", e il jingle-jangle di "The night Josh Tillman came to our apt.", che sembra figlia di "Sunday morning" in partenza, e di Jonathan Wilson per il resto. E cos' via per i i 45 minuti del disco, tra ballate, folk, rock ("The ideal husband"). Fino a quel gioiello totale che è "Bored in the U.S.A.", magnifica nella sua semplicità lirica (piano e voce) e nel testo, dissacrante, fin dal titolo.
Una grande constante: la scrittura di Tillman, la sua capacità di trovare melodie e di costruire canzoni e arrangiarle in una maniera mai banale, grazie all'aiuto di Wilson,. Una scrittura matura, appunto. Ad un certo punto, i fricchettoni crescono, e producono album come questi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.