«THE NEW CLASSIC - Iggy Azalea» la recensione di Rockol

Iggy Azalea - THE NEW CLASSIC - la recensione

Recensione del 23 apr 2014 a cura di Pop Topoi

La recensione

Nel suo primo, clamoroso singolo ufficiale, Iggy Azalea raccontava la sua storia: una ragazza che molla tutto per diventare una rapper negli Stati Uniti. È bianca, bionda e australiana, "senza soldi, senza famiglia, a 16 anni nel cuore di Miami". È passato più di un anno dalla pubblicazione di "Work" e la sua prima mixtape risale al 2011. In mezzo, ci sono contratti discografici stracciati, diss con le colleghe, cambi di direzione, apparizioni a festival e cerimonie di premiazione, e articoli entusiastici che costruiscono hype attorno all'artista in vista di un album che continua a slittare.
Ora che "The new classic" è finalmente uscito, Iggy Azalea è un personaggio familiare che conta centinaia di migliaia di fan e che nessuno può più definire "esordiente". Tuttavia, il primo LP con una major resta una prova importante da superare, e fa parte di un percorso narrativo su cui Iggy vuole aggiornarci già nelle tracce di apertura. "Walk the line" e "Don't need y'all" iniziano dove finiva "Work": la rapper ce l'ha fatta, è stata accettata in quel circuito malgrado le sue origini e il suo stile. Dal punto di vista dei contenuti, nulla di inaspettato: per farsi accettare, dopotutto, bisogna anche adattarsi ai cliché, e aprire l'album celebrando la propria vittoria, i soldi e la fama fa parte del gioco. Musicalmente, invece, i primi brani ci abituano a un livello di produzione che una mixtape, per forza di cose, non poteva raggiungere: gli arrangiamenti sono più maturi, curati e ancora più in contrasto con il flow e l'accento di Iggy.
"The new classic", quindi, fa subito sul serio e bisogna aspettare la quinta traccia per divertirsi: "Fancy" trasuda spudoratezza come la sua interprete, è minimale e bombastica allo stesso tempo, ed è resa più radiofonica dalla comparsata di Charli XCX (che, a forza di salvare le carriere altrui, si spera possa spiccare il volo come merita). L'opera è completata da un videoclip che riproduce il film "Clueless" ("Ragazze a Beverly Hills") con un impressionante livello di cura per i dettagli. Visto che le due, nell'anno dell'uscita del film in questione, erano in età da scuola materna, si tratta più di revival che di nostalgia, e qua e là si trovano occhiolini ai '90 anche nei suoni (la dance di "New bitch"). Ma l'album vuole soprattutto catturare tante correnti e influenze contemporanee per attestare la versatilità di Iggy e la capacità dei produttori di rendere il risultato finale materiale da classifica: la trap di "Black widow" con Rita Ora, la dancehall di "Lady Patra", il soul acustico di "100".
Certo, la potenza di "Work" è irripetibile, ma "The new classic", pur non mantenendo le promesse del titolo, è un debutto convincente e dimostra che Iggy Azalea ha saputo fare i giusti compromessi per raggiungere il grande pubblico. Magari potrà sembrare un po' addomesticata, ma è sopravvissuta meglio al passaggio da mixtape a mainstream di Angel Haze, Nicki Minaj e (quando finalmente uscirà "Broke with expensive taste", c'è da scommetterlo) Azealia Banks.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.