«WAITING FOR THE DAY - Bachelor Girl» la recensione di Rockol

Bachelor Girl - WAITING FOR THE DAY - la recensione

Recensione del 27 ago 1999

La recensione

Il pop che viene dall’Australia. Metà Eurythmics, metà Roxette, Bachelor Girl sono un lui tastierista e produttore (James Roche) e una lei con una bella voce e discreta presenza (Tania Doko). Il risultato è il disco che farebbe la fortuna di Natalie Imbruglia se soltanto fosse riuscita a impossessarsene per tempo. E invece “Waiting for the day” – titolo che nasconde almeno 6 anni di gavetta in attesa della grande occasione – è uscito all’inizio del ’98 in Australia e si è conquistato direttamente un bel disco di platino. Ragion per cui è buona prassi farlo uscire anche all’estero, cioè in Europa e negli States. Diciamo subito che i Bachelor Girl di pop ne sanno parecchio, e che questo disco riesce anche nella non facile impresa di colorare a festa delle canzoni frizzanti e piacevoli seppur costruite su progressioni di accordi e melodie che non sono certo niente di originale. Ma rispetto al pop da classifica, in tempi in cui Ginger Spice non si vergogna neanche di fare il rappato in spagnolo a quella versione sfigurata de “La isla bonita” che risponde al nome di “Mi chico latino”, vi assicuriamo che il duo australiano ci mette davvero del suo. E una riprova sono i due singoli più famosi estratti dall’album, “Buses and trains” e “Treat me good”, decisamente di alto livello, così come pure molto piacevoli sono “Gotta let you go”, “Lucky me”, “You are afraid”. I testi dell’album sono imperniati sulle relazioni interpersonali e battono spesso il tasto relativo alla cosiddetta “paura di amare”, quell’incapacità di lasciarsi andare completamente alle proprie emozioni che i due dicono di aver vissuto e sperimentato spesso in prima persona. Potrebbero essere dei nuovi protagonisti del pop, i Bachelor Girl, se soltanto avranno un po’ di fortuna e giocheranno bene la loro partita sul fronte ‘visuale’, dove la concorrenza è agguerrita. Il talento musicale non manca, ma si sa, di questi tempi, e specialmente nel pop, non è quello l’ingrediente principale con cui costruire un successo.

Tracklist
“Buses and trains”
“Gotta let you go”
“Lucky me”
“This must be love (like it or not)”
“Treat me good”
“Blown away”
“Waiting for the day”
“Blind”
“You are afraid”
“Someway, somehow”
“I don’t believe you”
“Mad about you”
“Permission to shine”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.