«PURE HEROINE - Lorde» la recensione di Rockol

Lorde - PURE HEROINE - la recensione

Recensione del 04 dic 2013 a cura di Michele Boroni

La recensione

Se non vivete dentro un guscio e se a volte vi capita di ascoltare la musica-che-gira-intorno, allora sicuramente conoscerete “Royals”, il pezzo che da qualche settimana sta inondando l'etere italiano, i suoni della rete e pure quelli della tv. Trattasi di una pop song potentissima, diciamolo, tutta costruita su un battito hip-hop minimale, con una melodia che aggancia, voce originale e testo tutt'altro che banale. Lei si chiama Ella Yelich-O' Connor, in arte Lorde, viene dalla Nuova Zelanda, ha da poco compiuto diciassette anni, ma scrive e canta da almeno cinque.
Il pezzo è stato un successone nel paese natale di Lorde, poi ha conquistato gli States – entrando prima nella classifica Alternative di Billboard e poi direttamente tra i primi posti della classifica mainstream, meritandosi anche la copertina del magazine – e infine, grazie esclusivamente al passaparola, si è estesa a tutta la rete, con 60 milioni di visualizzazioni del video su YouTube e due milioni di singoli venduti. Il tutto senza alcun scandalo o provocazione per riempire i colonnini morbosi delle testate online.
Il secondo singolo “Tennis Court” si posiziona sullo stesso livello qualitativo, con un beat asciutto di chi ha imparato la lezione del dubstep applicata al pop e un testo interessante che denuncia il finto conformismo che la circonda (“We’re so happy, even when we’re smilin’out of fear”).
Di ragazzine da one-hit wonder ne abbiamo viste parecchie in questi anni e il paragone con Lana Del Rey (dai, su, ora non fate finta di dimenticare il fascino che aveva esercitato su di voi un pezzo come “Videogame”) scatta in automatico. Ma di solito il fenomeno si sgonfia immediatamente con l'uscita del primo disco. Ecco quindi il primo disco (dopo il fortunato ep che conteneva “Royals”) che Lorde in realtà preparava da oltre due anni. Seppur i pezzi non siano tutti al livello dei due singoli - e il terzo singolo “Team” segna una pesante discontinuità - si tratta di un disco pop elettronico minimale inaspettatamente bello e che rivela un nuovo archetipo pop: Lorde riesce infatti nell'impresa di raccontare da dentro l'adolescenza attraverso un flusso di coscienza poetico e sofferente (l'alcol per dimenticare in “400 Lux”, il senso di morte in “Still Sane”). Ma, nello stesso tempo, si pone nei confronti della materia con un maturo distacco, grazie ai suoni e alla produzione (molto XX oriented) di Joel Little e in questo il suo manifesto è il penultimo pezzo “White teen teeth” (“I am not a white teeth teen, I tried to join but never did. The way they are, the way they seem is something else, it’s in the blood. Their molars blinking like the lights, in the underpass where we all sit. And do nothing, and love it”).




Il disco alla lunga rischia di risultare un po' monotono, complice una certa indolenza della voce di Lorde, e alcuni brani che si perdono un po' per strada, ma considerando la giovane età e la maturità con cui sta gestendo la propria carriera, sono certo che di Lorde ne sentiremo parlare ancora a lungo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.