«LIVE IN TEXAS - Lyle Lovett» la recensione di Rockol

Lyle Lovett - LIVE IN TEXAS - la recensione

Recensione del 06 ago 1999

La recensione

“Live in Texas” di Lyle Lovett è una sorta di antologia dal vivo del cantautore texano. Un personaggio enigmatico noto forse più per il suo matrimonio con Julia Roberts e per le sue parti cinematografiche (specie nei film di Robert Altman) che per i suoi dischi. Eppure Lyle Lovett è oggi uno dei più importanti depositari della canzone d'autore americana, specie se vista nella tradizione della ballata texana, la stessa che ha celebrato nel precedente album, “Step inside this house”. “Live in Texas”, testimonianza di alcuni concerti di qualche anno fa ad Austin e San Antonio, ne è ulteriore conferma: Lyle Lovett è un interprete dalla voce caratteristica, per quanto limitata, e un intrattenitore capace di guidare il suo numeroso gruppo nei meandri di canzoni che si prestano tanto ad improvvisazioni lunghe e divertenti (come il violino in “You can't resist”) quanto ad atmosfere più introspettive ed evocative come “If I had a boat”. Tutto il disco è un caleidoscopio di swing, ritmo, colore: ci sono accenti di gospel (provenienti da uno dei suoi migliori album, “Joshua judges Ruth”) sparsi ovunque, chitarre acustiche squillanti e fiati degni di un'orchestra rhythm’n’blues. Tutto suonato con una precisione millimetrica che è uno spettacolo nello spettacolo: il ritmo comincia con “Penguins” e non si spegne nemmeno nelle canzoni più eteree, tra le quali è da segnalare la prestigiosa “North Dakota”. Primo, perché è l'essenza stessa della ballata: due note di piano, una chitarra acustica, le percussioni e una melodia minimale ma irresistibile. Secondo, perché era già stupenda nell'incisione in studio (sempre da “Joshua judges Ruth”) e dal vivo acquista ancora più fascino. Terzo perché in entrambe le versioni sfavilla la voce di Rickie Lee Jones che è una delle ragioni per cui non si può perdere “Live in Texas”. Le altre scopritele da soli.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.