«ALBUM DI FAMIGLIA - Simone Cristicchi» la recensione di Rockol

Simone Cristicchi - ALBUM DI FAMIGLIA - la recensione

Recensione del 23 feb 2013 a cura di Paola De Simone

La recensione

Simone Cristicchi è un teatrante, prima ancora che un cantante. Non si spiegherebbe altrimenti come faccia a comporre dischi che somigliano a spettacoli teatrali più che a progetti discografici. Non che con la musica non abbiano a che fare, ma è evidente che questa serva spesso solo d’accompagnamento, lì dove si predilige il racconto e soprattutto si mira a sensibilizzare più che a emozionare. In questo, il quarto disco di Cristicchi – intitolato “Album di famiglia” - non si distacca dai precedenti, confermando così una cifra stilistica che sa di coerenza e credibilità. Se di spettacolo teatrale dobbiamo parlare, però, è necessario abbassare l’asticella delle aspettative in tema di musica, non essendo evidentemente tra le priorità e i talenti dell’artista romano, e anche riguardo al canto, a volte fuori dalla sua portata. “Mi manchi”, per esempio, che è uno dei due brani proposti al recente Festival di Sanremo, è stato scritto in una tonalità che comporta al cantante uno sforzo vocale eccessivo, tanto da portarlo a rasentare la stonatura, e questo crea all’ascoltatore un chiaro disagio uditivo. Ma “Mi manchi” è al contempo una delle canzoni meglio riuscite del disco, che un po’ ci riporta al mondo lontano del cantautorato sussurrato, quello più sensibile della nostra storia musicale, vicina a quel Sergio Endrigo che Cristicchi ama tanto, e noi come lui. Tolto l’aspetto più strettamente musicale, tolto il canto a volte arrancato – che in uno spettacolo teatrale è perdonabilissimo – resta la sceneggiatura che si compone di tematiche sfaccettate, personali quanto condivisibili: dignità umana, gogne mediatiche, vita e morte, infanzia rubata e affetti familiari. Il tutto condito con rimandi storici e una buona dose di poesia.



Attraverso le tredici tracce, però, lo spettacolo ci appare fin troppo generoso e qualche atto è decisamente di troppo: “I matti di Roma”, per esempio, è film già visto, come lo è “Senza notte né giorno”, legato al mondo dei minatori cui Cristicchi è stato addentro negli ultimi anni. Anche “Il sipario” appesantisce la struttura con uno spaccato di retorica d’altri tempi. Essere capaci di selezionare e asciugare, per offrire il meglio, non è una dote secondaria. E il meglio di questo disco sono canzoni come “Laura”, dedicata alla toccante storia di Laura Antonelli, che Cristicchi interpreta con chiara emozione; “Cigarettes”, che sul finale – affidato alla voce di Nino Frassica – sa avvolgere l’ascoltatore in una scomoda sensazione di vergogna (non vi sveliamo perché, per non privarvi dell’emozione dell’ascolto), e “Le sol le mar”, con la collaborazione di Alessandro Mannarino, che disegna un quadro grottesco delle tante contraddizioni italiane, e strappa più di un sorriso. Tiepide, invece, le canzoni sentimentali: “Canzone piccola” e “La cosa più bella del mondo”, in cui il minimo sforzo, a questo giro, ha prodotto minimo rendimento. E per non farsi mancare davvero nulla, il disco chiude con “Testamento”, una breve e delicata poesia di Mauro Maré, poeta romanesco del secondo 900, che parla di morte e sepoltura, tema che attraversa il disco partendo dalla sanremese - e poco riuscita - “La prima volta (che sono morto)”, per finire con un accenno di madrigale inserito come traccia fantasma. A spettacolo finito torniamo a casa un po’ annoiati, è vero, ma un grammo di emozione e un sorriso non sono mancati e, per ora, ce li facciamo bastare.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.