«SCREAMIN' FOR MY SUPPER - Beth Hart» la recensione di Rockol

Beth Hart - SCREAMIN' FOR MY SUPPER - la recensione

Recensione del 27 lug 1999

La recensione

Los Angeles. Come dice qualcuno – James Ellroy – entri spregiudicato, esci pregiudicato. Quante canzoni hanno ispirato le strade di Los Angeles, la sua gente, le sue periferie, la Hollywood delle star e il South Central delle Gang? Quanti racconti? Beth Hart è uno degli angeli innocenti e perversi di questa città. «Non ho voglia di andare a vivere in una fattoria, tutto quello che chiedo è passare le serate divertendomi, con gente cui piaccia bere e andare fuori di testa. Per il resto suono». Parole sue. “Screamin’ for my supper” è il suo secondo album, dopo l’esordio di “Immortal” nel 1995, e mette in mostra una cantautrice che ondeggia tra certa musica pop-rock modello Alanis Morissette e il blues di matrice scura che ha fatto la fortuna di Janis Joplin, tra una scazzatura latente e momenti di delicatezza e malinconia. Le canzoni sono ben scritte, per la gioia di quanti potrebbero amare questo disco, con dei momenti quasi pop che faranno la felicità di molte radio (vedi “L.A. song (out of this town)”, un pezzo molto Shania Twain, non a caso negli States una mezza divinità, da noi praticamente sconosciuta, oppure “Delicious surprise”). “Screamin’ for my supper”, con le sue storie losangeline di strada e redenzione, è un disco non proprio docile, ma neanche così irrequieto come si potrebbe pensare. Certo, sarà dura pensare a Beth Hart nei termini di una nuova Janis, e anche il suo materiale ha bisogno di crescere ancora un po’ per poter essere preso per buono. Però i semi ci sono, l’album è intricato ma onesto e Beth non sembra una nata per arrendersi. Per cui a presto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.