«ALGIERS - Calexico» la recensione di Rockol

Calexico - ALGIERS - la recensione

Recensione del 05 set 2012 a cura di Daniela Calvi

La recensione

Dei Calexico, per quel che mi riguarda, pensavo che niente dopo l’Ep realizzato con Iron & Wine e la cover di “Alone again or” dei Love potesse commuovermi ed emozionarmi al punto da farmi preoccupare. Pensavo, appunto. Poi è arrivata l’anteprima del disco (Dio benedica il privilegio di poter ascoltare un album quando ancora non è stato pubblicato), sono arrivati loro in redazione a suonarci un paio di brani (Convertino ha anche scordato il suo orologio su un mobile dell’ufficio…), è arrivato il momento dell’intervista, è arrivato il momento dei saluti, ed ora arriva il momento di parlarvi di “Algiers”. E di condividere con voi il privilegio di farvelo sentire in anteprima - il disco esce l'11 settembre - così capirete di cosa stiamo parlando.



I primi ascolti del nuovo album della band di Tucson scivolano via che è un piacere. Per quest’ultima fatica in studio, forse un po’ più accessibile del solito, i Calexico hanno suonato e registrato ai Living Room di New Orleans e hanno dato un taglio alle loro classiche scalette che comprendevano negli album passati dalle quindici alle diciotto canzoni (alcune delle quali prive della parte vocale) per pubblicare il meglio della loro ultima produzione.
“Algiers” è un concentrato di ballads e passaggi folk rock dove viene meno l’insistenza mariachi e dove c’è posto solo per uno strumentale, quello che dà il titolo al disco e che fa da spartiacque alle dodici tracce presenti.
Le cinque canzoni che aprono il successore di “Carried to dust” (pubblicato quattro lunghissimi anni fa) sono di una bellezza rara: la suggestiva ed incalzante “Epic” ci trasporta in un mondo fatto di attese e cambiamenti e gli arrangiamenti sono gloriosi e raffinati dalla prima nota all’ultima, rendendola nell’immediato un episodio indimenticabile. Più avvincente, ritmata e concreta è invece “Splitter”, memorabile fin da subito grazie alla melodia e al ritornello, mentre i bassi che aprono “Sinner in the sea” ci riportano al mondo dei Calexico con atmosfere d’altri tempi e con arrangiamenti prima sudamericani poi quasi noise che fanno da colonna sonora a leggende di pianoforti sotto al mare che suonano requiem per anime disperse e di una terraferma da raggiungere.
La minimale, quasi ai limiti dell’acustico, e quasi sussurrata “Fortune teller” veste perfettamente un testo spirituale come fosse una preghiera rivolta al fato, mentre “Para”, il quinto brano del disco e primo singolo scelto per rappresentare il tutto, si rivela sin dalle prime note una canzone intensa e misteriosa carica di pathos e ricca di movimenti, sia nella musica sia nelle parole. “Algiers”, unica traccia strumentale, è ammaliante e coinvolgente e prepara il terreno per le successive favole di confine come “Maybe on monday” e “Hush” e storie battute su strade polverose da anime latine come “No te vas”, cantata in spagnolo, e la piacevole e sorprendente “Puerto”, che raccoglie dentro di sé tutta l’anima di questo album.
“Algiers” è un’ottima prova di sintesi da parte dei Calexico: non fanno rimpiangere la lungaggine dei dischi precedenti (che comunque erano ben equilibrati) e non fanno nemmeno pensare di aver realizzato un disco in fretta e furia puntando sulle melodie e l’immediatezza dei brani. Lo spessore di una band come questa lo si percepisce in ogni nota e in ogni cambio di tono, in ogni falsetto di Burns e in ogni spazzolata di rullante di Convertino, ad ogni suono di tromba e ad ogni arpeggio di chitarra. Più il tempo passa, più i Calexico invecchiano bene. Non fateveli scappare, siete ancora in tempo per farvi accompagnare su quelle strade polverose che piacciono tanto a loro e a noi.

(L’orologio a Convertino sì, glielo abbiamo restituito…)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.