«THIS IS PIL - Public Image Ltd.» la recensione di Rockol

Public Image Ltd. - THIS IS PIL - la recensione

Recensione del 28 mag 2012 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Strane coincidenze: negli stessi giorni escono i dischi di due icone del punk. Uno è quello postumo di Johnny Ramone, ”...Ya know?”, di cui vi parliamo in un’altra recensione. E poi, “This is PiL”, il ritorno dei Public Image Ltd. di John Lydon.
Due figure diversissime per stile. E non solo perché Johnny se n’è andato 10 anni fa... “This is PiL” si apre con un rutto. Si, un rutto. E uno pensa: “ecco John Lydon. Dio, com’è invecchiato: crede ancora di essere trasgressivo, a fare una cosa del genere?”. Se poi si pensa che l’ex Johnny Rotten ha partecipato all’Isola dei Famosi inglese come concorrente, che la sua credibilità musicale non è esattamente il massimo (anche grazie alle bislacche reunion dei Sex Pistols), e che questo disco è stato finanziato dai proventi della partecipazione ad uno spot pubblicitario... Insomma, le premesse per un flop ci sono tutte.
Invece.
Invece Lydon ha rispolverato la sua seconda creatura, e l’ha fatto bene: dei PiL originali c’è poco, a dir la verità. Jah Wobble, genio del basso con cui Lydon fondò la sua creatura sperimentale (post-punk in tutti i sensi) se n’è già andato da molto tempo. E anche dopo la sua uscita, i PiL riuscirono a tirar dritti per la loro strada, magari senza ripetere i fasti di “Metal box”, ma mantenendo l’identità meticcia di suoni - soprattutto il reggae - e producendo ancora un grande singolo, “This is not a love song” (1983), e un grande disco, “Album” (1986).
“This is Pil” è il primo album in oltre 20 anni, da “That what is not” (’92). E il disco regge bene, con molta più dignità di quello che si poteva supporre con queste premesse. Ai famigerati rumori corporali o in apertura, seguono le consuete sparate autoreferenziali tipiche del gruppo: “You are now entering a PiL zone!” urla Lydon. E la zona è fatta di un’incidere marziale, di urla e ripetizioni di slogan, con quello stile vocale unico. Nella zona c’è ancora una volta il reaggae, come “One drop” - la canzone più canzone del disco. C’è il rock dritto di “Terra-gate”, il simil-dub di “I must be dreaming”, lo spoken-word di “The room I am in”, e così via. Ci sono tanti stili nella musica dei PiL, com’è sempre stato costume della band.
La musica dei PiL è diventata meno innovativa - gli anni passano per tutti - ma Lydon ha fatto un disco-disco. Forse non lo si può più definire “post-punk”, a 30 e passa anni dai Sex Pistols. Ma “This is PiL” ricorda che Lydon non è solo un guitto, che non è solo la grande truffa del rock ‘n’ roll. Gli piace giocare, provocare. Ma quando vuole, sa ancora fare buona musica. E questo ci basta, almeno per il momento.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.