«THE MF LIFE - Melanie Fiona» la recensione di Rockol

Melanie Fiona - THE MF LIFE - la recensione

Recensione del 16 apr 2012 a cura di Alessandra Zacchino

La recensione

Melanie Fiona fa parte del ristretto gruppo di artisti che rappresentano la sensibilità soul “made in Canada”. Come Tamia e Deborah Cox prima di lei, Melanie si è conquistata una certa credibilità e si è fatta largo tra lo strapotere a stelle e strisce della scena r&b. Il suo debutto “The bridge” del 2009, l’ha catapultata sul mercato internazionale e posta in evidenza con una serie di singoli dai buoni riscontri. Sono passati tre anni e la cantante di Toronto è pronta per la prova del secondo album che prevede la conferma del suo talento ed eventualmente d’annientare il pericolo, sempre in agguato, d’ingrossare le fila delle meteore di questo genere musicale. Raramente capita d’imbattersi in un secondo album migliore di quello che l’ha preceduto. Melanie Fiona è riuscita in questa missione pressoché impossibile. Sarà forse perché purtroppo i vuoti da colmare aumentano (vedi le morti di Amy Winehouse e Whitney Houston), ma il sound multisfaccettato della cantante tra soul, r&b, reggae e blues risulta armonico e gradevolissimo in un contesto nel quale traspare una certa maturità.
Le nuove canzoni sono storie che raccontano le esperienze di una giovane donna alle prese con gli alti e bassi della sua esistenza. Per meglio delineare i contorni delle nuove composizioni ci sono dei validissimi produttori come Rico Love, No I.D., Salaam Remi e autori come Johnta Austin, Andrea Martin, T-Pain e l’amico di vecchia data Drake. “The MF life” non si risparmia nemmeno in termini di ospiti illustri. C’è J.-Cole in “This time”, Nas nella splendida “Running”, ma anche B.O.B. nella risoluta “Change the record”, T-Pain in “6 a.m.” e John Legend nella delicata “L.O.V.E.”.
In ogni canzone Melanie è pronta a rivelare tutta la sua vulnerabilità, i suoi tormenti interiori e a raccontare di quella linea sottile tra amore e odio. “The MF life” mostra anche l’orgoglio e la tempra di una giovane donna sicura del proprio talento. Il miglior secondo album da molto, moltissimo tempo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.