«THE HUNTER - Mastodon» la recensione di Rockol

Mastodon - THE HUNTER - la recensione

Recensione del 03 ott 2011 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Il cambiamento è un concetto che a noi fan del rock più duro e catafratto spesso fa venire la pelle d'oca. Siamo tanto libertari e spiriti liberi negli ideali, quanto conservatori nell'approccio alla musica che più ci piace (ed è inutile dire che non è vero, per cortesia... sappiamo tutti che è così). È tenendo ben presente la considerazione filosofica da bancone da bar di cui sopra che ci si può avvicinare all'ultima fatica dei Mastodon, questo "The Hunter" sfornato bello caldo una decina di giorni orsono.
I 13 pezzi dell'album segnano un'ulteriore evoluzione sonica per il combo di Atlanta che - se col precedente "Crack In The Skye" aveva dato una svolta intimista, progressiva ed eterea al proprio sound (abbandonando le suggestioni più sludge e metal) - ora muta nuovamente rotta.
Il vento che gonfia le vele della nave Mastodon adesso è quello di un rock sanguigno, psichedelico, malinconico ma robusto, immediato e ruvido al medesimo tempo. In pratica le composizioni si fanno più accessibili anche per palati meno da gourmet, abbracciando soluzioni vicine al meglio del rock alternativo degli ultimi 10 anni, Queens Of the Stone Age su tutti.
Il mantra questa volta è "più feeling, meno tecnica" e la tradizione rock incombe su ogni riff, fornendo la sostanza e la chiave di lettura dell'intero disco. Con "The Hunter" il discorso complesso articolato nell'album precedente si fa più diretto, ficcante, dritto al punto; la forma canzone, nella sua concezione più tradizionale, diviene l'impalcatura concettuale di un songwriting spogliato di ogni velleità troppo elaborata, che si esprime in composizioni più brevi, che superano i cinque minuti solo in due episodi isolati, assestandosi su lunghezze molto più ristrette.
È una delusione dunque? Decisamente no. Il cambiamento, si diceva, non piace a noi rocker - almeno al primo impatto. Ma è innegabile che lo spirito dei Mastodon (almeno degli ultimi Mastodon) è mutato senza uscirne irrimediabilmente stravolto; di sicuro ora hanno meno appeal per chi cerca principalmente cerebralità, pesantezza plumbea e sfide intellettuali, eppure gli elementi fondanti della loro essenza ci sono - e sono ben evidenti. Semplicemente ora sono declinati in maniera più accessibile, che permette alla band di raggiungere un pubblico altrimenti precluso. Di sicuro ciò non farà piacere agli amanti della nicchia, che già hanno accusato il gruppo di essere più interessato a fare da gregario dei grandi nomi da festival, piuttosto che proseguire per la propria strada intransigente; eppure è un giudizio piuttosto ingeneroso.
Se avvicinato con il doveroso spirito critico libero da pregiudizi, "The Hunter" è davvero un bel disco di hard rock sabbathiano con inserti psichedelici, parti southern e molte frazioni orecchiabili. E questo è ciò che più conta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.