«ANGLES - Strokes» la recensione di Rockol

Strokes - ANGLES - la recensione

Recensione del 21 mar 2011 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Fa un certo effetto vedere un disegno stile Escher, rivisitato con grafica anni '80, sulla copertina degli Strokes. Ricordate l'immagine di "Is this it", con quel guanto di pelle su una curva di donna? Ti apriva un mondo, che poi era quello a cui si rifaceva la band con il suo rock retrò e newyorchese, che ha fatto scuola negli anni a venire.
Però l'ascolto di "Angles" è decisamente più tranquillizzante rispetto a quella copertina un po' inquietante. Il disco è il primo in 5 anni della band, che ha avuto diversi problemi interni e, nel frattempo, ha lasciato i suoi membri in uscita libera, compreso Julian Casablancas, che nel 2009 ha inciso un disco, quello sì, di pop-rock influenzato dal sound degli anni '80. I problemi pare non si siano risolti, perché "Angles" è stato inciso da separati in casa, con Casablancas che ha registrato le parti vocali per conto suo, dopo che il resto della band aveva fatto il suo dovere strumentale.
Una freddezza tra i membri della band ha prodotto un disco freddo? Non è questo il punto, perché gli Strokes non hanno mai fatto della passione il loro punto forte. "Angles" è un disco riconoscibilissimo: i riff taglienti ci sono sempre, la voce particolare di Casablancas è sempre lì, le canzoni sono sempre, stilose, piacevoli e ben costruite. Certo, c'è qualche accenno di novità nelle sfumature, come della batteria o in certe sonorità, che rimandano agli anni '80: si senta l'attacco di "Life is simple in the moonlight", o quello di "Games" - con accenni di synth e drum machine. Ma l'ossatura del disco è molto tradizionale e tradizionalmente Strokes, come dimostrano il singolo "Undercover of darkness" o "Macchu Picchu", con quelle chitarrine e quella ritmica che hanno fatto scuola. Perché il punto è che, vi piaccia o no, in questo genere di rock un po' artistico e posato, gli Strokes quando ne hanno voglia continuano ad essere i migliori in circolazione. Chi ci ha rovinato la percezione del gruppo i tutti i cloni che ci sono in circolazione, sia dal punto di vista sonoro, che dal punto di vista dello stile, che spesso imitano senza riuscirci..
"Angles" non vuole e non può essere un disco innovativo, e non è e non può essere ai livelli di "Is this it". Ma è un disco che riporta in pista una band amatissima, con un sound unico, anche in queste canzoni. Se avete amato gli Strokes, vi ritrovete a vostro agio in queste canzoni come una mano in guanto di pelle...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.