«WHO ELSE - Jeff Beck» la recensione di Rockol

Jeff Beck - WHO ELSE - la recensione

Recensione del 23 apr 1999

La recensione

Jeff Beck croce e delizia. Jeff Beck il più grande chitarrista in circolazione, mentre Clapton si prende la gloria e Page si rifa' la permanente. Jeff Beck la primadonna, insopportabile e bizzoso un giorno, accomodante, gentile e quasi schivo il giorno dopo. Jeff Beck che s'è inventato il bending, anche se poi Eddie Van Halen l'ha perfezionato e ci ha fatto i miliardi (e se li è spesi tutti in coca). Jeff Beck capace di inventarsi l'heavy-blues con Ron Wood e Rod Stewart e poi collezionare una serie di dischi che - viene da pensare - a momenti forse capisce solo lui. Jeff Beck, chi altri? Who else! Eccolo qua, il suo nuovo lavoro, e come al solito si rimane perplessi. C'è il solito Jeff Beck, qui, intendiamo dire quello degli ultimi due decenni, perso tra sperimentazioni e amibentazioni sonore ad uso e consumo della sua chitarra, una via di mezzo tra com'era Herbie Hancock quando con la sua accolita di sintetizzatori programmava "Rock it" e preparava il "Future shock" e lo svisatore folle di blues incandescente degli esordi. E così "Who else!" finisce per essere un susseguirsi di panorami sonori che spesso rappresentano le vere idee, spunto per le galoppate chitarristiche del loro autore, che, inutile dirlo, a tratti da sfoggio di una classe esemplare. Dove il disco frana un po', invece, è proprio sull'aspetto 'virtuoso' della vicenda: in un periodo di grande sintesi come è questo - almeno dal punto di vista musicale - "Who else!" dà troppo spesso l'idea di essere un album fine a se stesso, scritto e registrato con lo scopo principale di compiacere il proprio autore. Che ci fa vedere cose egregie, ma ce ne dice molte meno. E' un peccato che Jeff Beck non si dedichi ad una musica più motivata dal punto di vista interiore, perché ad esempio quando suona il blues - e sull'album succede nel brano "Brush with the blues" - graffia ancora come nessun altro. Jeff Beck croce e delizia. Appunto.

TRACKLIST

02. Psycho Sam
03. Brush with the blues
04. Blast from the east
05. Space for the papa
06. Angel (footsteps)
07. Hip-notica
08. Even odds
09. Declan
10. Another place
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.