«S-LOW - Marlene Kuntz» la recensione di Rockol

Marlene Kuntz - S-LOW - la recensione

Recensione del 02 nov 2006 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il tour/disco/concerto acustico è una tappa inevitabile per ogni band rock. Fate mente locale a quanti dischi “unplugged” ci siamo ascoltati/sorbiti dalla nascita del famoso programma di MTV, qualche volta anche prima.
“S-Low” NON è un disco acustico. Per fortuna. Ve li vedete i Marlene Kuntz suonare con le chitarre non amplificate? No. E infatti “S-low” è un disco che raccoglie una dimensione più lirica, più “lenta” e più “bassa”, ma comunque elettrica. Una dimensione che appartiene alla band cuneese da sempre, ma che è diventata quasi predominante dall'ultimo disco “Bianco sporco”, rock ma anche quasi cantautorale.
“S-Low” è un tour dell'inizio di quest'anno, nato da uno spettacolo tv dello scorso ottobre, quello “Storytellers” in cui i cantanti raccontano le loro canzoni, e le suonano in maniera più tranquilla. I Marlene si presentarono a quell'occasione (immortalata in un DVD che esce in contemporanea a questo disco), con le chitarre attaccate e con i brani più lirici della loro produzione. Da lì nacque il tour, e poi il disco.
“S-low” è, a suo modo, un piccolo gioiello, come quel tour. A chi scrive è capitato di vedere il concerto in teatro, e funzionava eccome, con una tensione musicale ed emotiva che il disco riproduce molto bene. Le versioni di “Lieve” e di “Nuotando nell'aria” sono di un'intensità rara, e l'arrangiamento di brani come “Infinità” e “L'inganno” viene dilatato ma senza perdere mai il fuoco. In più, non è un disco solo “lento”, perché la band recupera anche brani veloci e poco suonati come “Fuoco su di te” (ecco il perché di quel “quasi” di poc'anzi). Un plauso, oltre ai tre Marlene, va a Gianni Maroccolo: lo stereotipo vuole i bassisti come la parte più debole, meno udibile di una band rock, invece il lavoro che Maroccolo sta facendo con i Marlene dimostra esattamente il contrario: la sua firma si sente, ma non prevarica mai il suono della band.
La band sta scrivendo già il prossimo album, previsto entro l'estate 2007, ma “S-low” non è soltanto un lavoro di transizione tra un disco e l'altro, è un bel disco live, e basta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.