«MAGNETI - Mario Venuti» la recensione di Rockol

Mario Venuti - MAGNETI - la recensione

Recensione del 23 mar 2006 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il Festival di Sanremo è una vetrina, si dice. Sarà anche vero, ma il vetro che separa lo spettatore dall’artista, quello dello schermo TV, unito alla fitta cortina di “rumours” e notizie non musicali che tradizionalmente circondando il festival, ha spesso il potere di distorcere la prospettiva, falsare l’immagine e il contenuto musicale.
E’ il caso di Mario Venuti. Nel 2004 si era presentato a Sanremo, e in quel caso l’effetto vetrina aveva un senso: il cantautore catanese era appena ritornato sulle scene dopo una lunga assenza, e dopo un buon successo l’estate precedente con “Veramente”. Con “Crudele” ottenne il premio della critica, ma soprattutto si fece vedere, e confermò il suo ritorno.
Venuti è tornato a Sanremo quest’anno con “Un altro posto nel mondo”, e per presentare questo nuovo disco, “Magneti” il suo quinto disco. Ce n’era bisogno? Forse no, soprattutto pensando a quella forzatura dell’inserimento nella sezione “Gruppi”. Se poi si aggiunge che ha scelto una delle canzoni più deboli del disco, ancora meno. Non fraintendiamoci: “Un altro posto nel mondo” non è un brutto brano, anzi; forse fin troppo lineare, si è perso pure nel brutto panorama di quest’anno.
“Magneti”, invece, è un bel disco, e contiene diverse canzoni migliori. Tutte le 12 tracce sono lineari. Anzi, sono canzoni “leggere”: pochi in Italia come sanno scrivere pop-rock in questo modo, unendo melodia meditteranea e suoni anglossassoni con questa piacevolezza.
Sentite l’uno-due iniziale di “E’ stato un attimo” e “Addio alle armi”, in cui la matrice “remmiana” dei catanesi – vedi Carmen Consoli – viene fuori in maniera evidente. O canzoni più “sperimentali” come il tropicalismo di “Santa Maria La Guardia” o l’elettronica in siciliano di “Sulu”.
Insomma, Venuti è uno che ci sa fare, eccome: non lo scopriamo ora, e non serviva il Festival di Sanremo per farcelo capire. Perché, ne siamo certi, “Magneti” è un disco che avrà meritatamente una sua vita indipendente dalla rassegna: nelle classifiche, sui palchi, in radio. Cosa che sempre più raramente capita ai dischi sanremesi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.