«ESSERE O SEMBRARE - Litfiba» la recensione di Rockol

Litfiba - ESSERE O SEMBRARE - la recensione

Recensione del 27 lug 2005 a cura di Paola Maraone

La recensione

Okay, sgombriamo subito il campo dai dubbi: non basta chiamarsi Litfiba – e dunque, saccheggiando vigliaccamente il titolo dell’album, sembrare i Litfiba – per essere i Litfiba.
Accidenti a loro, non è rock, questa roba qua. È pop travestito da rock. Passateci i toni un po’ sbrigativi, ma è proprio così. Intanto, per dirla tutta, ci fa proprio inc… che qui dentro ci siano solo nove brani (!). Ma insomma, quattro anni per scrivere nove canzoni – e in mezzo solo “Larasong”, colonna sonora di un videogioco? È questa la creatività di Cavallo, Renzulli e compagniabella? E poi, dove sono finiti i guizzi di un tempo, la violenza, la sana irruenza di un gruppo che un tempo era davvero “contro”? Se mettete quest’album sullo stereo a un volume medio, sentirete un flusso uniforme con qualche riff di chitarra qua e là, la batteria in sottofondo, la voce di Cabo più o meno rauca. Anche i testi affrontano tutto sommato le tematiche di sempre: il respiro del mondo, il segno del viaggio, il vento senza tempo, il desiderio di sentirsi vivi (“Giorni di vento”, che pure ha una bella linea melodica, delicata, pulita, essenziale); un anticonformismo un po’ forzato, che avrebbe senso se i Litfiba fossero una teen-band ma che, essendo loro ormai più che adulti, suona sospetto (in “No mai”: “Siete gentili a dirmi cosa fare per non sbagliare/ Non vi dispiace se provo a camminare con queste gambe che ho"). E poi la forza dell’amore mescolata agli elementi naturali (in “Alba e tempesta”), l’ardua scelta tra umano e divino e l’invito alla coerenza (ancora!) in “Prendere o lasciare”, il mistero e l’esoterismo – tanto per cambiare – in “Mistery train”, l’anima dell’uomo che è anche l’anima del mondo in “La tela del ragno”, che tutto sommato resta uno dei brani più incisivi qua dentro. E poi ancora il fuoco e le allusioni al diavolo (!) e alla dannazione addirittura in due canzoni di seguito, “Sette vite” e “Stasera”. Accidenti, accidenti! È un dolore criticare una band che ha fatto – davvero – la storia del rock italiano, e che ora, però, ha bisogno di una seria riflessione. Questo disco non è brutto, nel senso che non ha proprio nulla di sgradevole, ma dai Litfiba ci aspettiamo qualcosa di più. E allora: cari Litfiba, nessuno nega che restate degli ottimi musicisti, che la dimensione live è pane per i vostri denti, che un vostro concerto è sempre una sferzata di energia, che il mestiere lo conoscete… ma insomma, dov’è finito il genio? E soprattutto: che intenzioni avete per il futuro? Che direzione volete prendere davvero, al di là degli obblighi di pubblicare un album ogni tanto per non sfuggire al vuoto e all’oblio? Lo cantate anche voi in “Sette vite”: “Chi sei, se sei, chi sei, dove andiamo?”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.