«TERRESTRE - Subsonica» la recensione di Rockol

Subsonica - TERRESTRE - la recensione

Recensione del 11 mag 2005

La recensione

E’ una curiosa coincidenza che i tre gruppi "independenti" italiani più importanti abbiano pubblicato i loro nuovi dischi nello spazio di poco più di un mese. Hanno iniziato i Marlene Kuntz, poi gli Afterhours, chiudono il trittico i Subsonica con “Terrestre”.
Scelte diverse: i Marlene non sono più "independenti" discograficamente da tempo, ma il loro atteggiamento lo è eccome: hanno dato alle stampe un disco lirico, fuori dagli schemi. Gli Afterhours lo sono in tutto e per tutto. I Subsonica, invece, sono appena passati ad una major, consegnando però contestualmente il loro disco più elettrico e rock.
L’aggettivo “rock”, perfetto per Marlene e Afterhours, si adatta ora bene anche al gruppo di Torino, che invece arriva dall’elettronica. “Terrestre” è un disco che arriva dopo un periodo pieno di successi e anche di difficoltà. Il successo del disco precedente "Amorematico", il tour dei record, la celebrazione con il live “Controllo del livello di rombo”. Ma anche la separazione traumatica e polemica dalla Mescal (con i recenti strascichi legali - vedi news), l’etichetta che li ha lanciati.
Insomma, il “difficile quarto album”. A dispetto di quanto possano pensare le malelingue, i Subsonica non hanno cambiato attegiamento. Anzi, se ne sono usciti con un disco che non rinnega il passato, ma certo è assai coraggioso. Un disco rock, per l’appunto, dove sono le chitarre e il suono “da band” a farla da padrone. Sentire il singolo “L’abitudine” è illuminante al proposito, ma meglio ancora è lo shock elettrico iniziale di “Corpo a corpo”, o la ballata “Incantevole”. Come ha raccontato lo stesso Casacci nell’intervista a Rockol (vedi news), la band ha invertito il processo di lavorazione delle canzoni: partendo dagli strumenti, e non da un computer. Non ha dimenticato la dance, come dimostra la lunga e ipnotica “Alba a quattro corsie” (che ricorda i Faithless, altro gruppo abile a “suonare” l’elettronica), ma ha semplicemente fatto una scelta diversa.
Nel complesso, “Terrestre” è un disco che suona “alla Subsonica”, pur suonando in maniera diversa dal solito. Ha un limite: un suono troppo "pesante", alla lunga, che rischia di perdere in leggerezza pop laddove guadagna in impatto rock. In altre parole, chi cerca canzoni d’impatto diretto (leggi: “i singoli”), forse potrebbe rimanere deluso. Chi invece vuole ascoltare un gruppo che va avanti, che rimane fedele alla propria identità rinnovandola, ha pane per suoi denti.

(Gianni Sibilla) .
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.