«COLLIDEOSCOPE - Living Colour» la recensione di Rockol

Living Colour - COLLIDEOSCOPE - la recensione

Recensione del 13 nov 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

C’era una volta la “Black rock coalition”: un movimento che sosteneva la riapropriazione del rock da parte della comunità musicale di colore. In fin dei conti, il rock ‘n’ roll nacque proprio dalla fusione tra la musica bianca e quella afroamericana… I Living Colour ne erano la punta di diamante: scoperti da Mick Jagger, si fecero notare tra gli anni ’80 e gli anni ’90 con alcuni dischi di grande rock, dominato dalle chitarre del virtuoso Vernon Reid e con testi politicamente espliciti. Poi, nel 1995 lo scioglimento, a cui seguì un riavvicinamento nel 2000 e un tour nel 2001.
“Collideoscope” è il primo disco di inediti della band dopo il ritorno sulle scene. E il bello è che i Living Colour non sono cambiati.
Per loro vale il discorso fatto a suo tempo per i Jane’s Addiction. Ovvero: un gruppo che, ai tempi del “primo avvento” è stato a suo modo assolutamente rivoluzionario. Un gruppo che torna a qualche anno di distanza: forse non sarà più rivoluzionario, ma ha ancora una carica che molti colleghi più giovani si sognano.
Questi sono i Living Colour 2003: capaci di essere ai livelli dei propri momenti migliori, sia quando giocano la carta della ballata (“Flying”, davvero stupenda), sia quando vanno sul pesante (di rock duro c’è solo l’imbarazzo della scelta, qua dentro…). Che dire, poi, quando si cimentano nelle cover? Qua c’è una rilettura di “Back in black” degli Ac/dc, che ricorda per intensità quella altrettanto bella di “Should I stay or should I go” dei Clash, pubblicata alla fine degli anni ‘80.
In tutti questi casi, ora come allora, a farla da padrone è la chitarra di Vernon Reid, un maestro nel suo genere, ma senza essere un autocompiaciuto come tanti chitarristi dalla tecnica sopraffina. A fare da contraltare, c’è sempre la stupenda voce di Corey Glover.
Insomma: bentornati Living Color, bentornati con la speranza che siate qui per rimanere.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.