«OLTREMARE - Archinué» la recensione di Rockol

Archinué - OLTREMARE - la recensione

Recensione del 13 apr 2002 a cura di Diego Ancordi

La recensione

Ci hanno messo una decina di anni, ma gli Archinué sono arrivati alla grande vetrina del Festival di Sanremo, con risultati tutto sommato soddisfacenti. Il brano in gara, “La marcia dei santi”, è valso loro il Premio della Critica intitolato a Mia Martini e un apprezzabile quinto posto fra le Nuove Proposte. Certo la loro è una formula ampiamente collaudata nel circuito alternativo italiano, ma i quattro siciliani hanno osato portarla là dove sembrava magari fuori luogo ed hanno ottenuto qualcosa di concreto dopo anni di gavetta. Il loro album d’esordio “Oltremare”, distribuito da Sony Music e prodotto da Piero Calabrese, è un lavoro più che dignitoso, che sicuramente si discosta da tutti i prodotti “made in Sanremo” già presenti sul mercato. Un terreno già battuto, si diceva, quello in cui si avventurano gli Archinué. Inevitabile non citare come termini di paragone i Modena City Ramblers, Davide Van De Sfroos, Cisco e la Casa Del Vento, certe cose dei Gang, la Bandabardò. Il circuito musicale frequentato dagli Archinuè è infatti quello della patchanka nostrana: ritmi country e ska, atmosfere popolari e festaiole, folk-rock, sapori etnici e influenze irlandesi a costruire una proposta agrodolce e multicolore. Non per nulla Archinué è una parola che in siciliano antico sta ad indicare l’Arco di Noè, e cioè l’arcobaleno. Ma tra le influenze del quartetto catanese emergono anche Fabrizio De André (“Fiaba”), Ivano Fossati (“Pagine e storia”), Vinicio Capossela (“Il valzer delle alcove”) e forse anche Max Gazzé (“Il paradiso degli orchi”). Tutto ciò nulla toglie al valore di questo disco, arricchito dall’uso di strumenti tradizionali e artigianali appositamente costruiti, da buone composizioni, ottimi arrangiamenti, citazioni e un simpatico accenno dell’inno di Mameli con chitarra elettrica alla maniera di Jimi Hendrix a introdurre “Don Peppino Garibaldi”. Insomma, la personalità comunque non manca agli Archinué e il lavoro svolto può ritagliare alla band uno spazio nel panorama alternativo nazionale, soprattutto nella dimensione live, dove è facile prevedere per la formazione ampi consensi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.