«ABRAXAS - Santana» la recensione di Rockol

Se dovete avere un solo disco di Santana, deve essere questo

Spesso considerato come il primo esempio vero e proprio di “latin rock”, in realtà “Abraxas” sfugge a una categorizzazione così precisa: alla riscoperta di un classico del rock.

Recensione del 29 lug 2019 a cura di Franco Zanetti

La recensione

Classici dell’estate: ogni giorno riscopri un disco leggendario, con le recensioni storiche di Rockol.

Nell’autunno del 1969 l’album di debutto di un gruppo dell’area di San Francisco, semisconosciuto fin quando Bill Graham ne aveva praticamente imposto la presenza agli organizzatori del festival di Woodstock, aveva venduto un paio di milioni di copie e prodotto un singolo da classifica, “Evil ways”. Il gruppo si chiamava con il cognome del chitarrista, Santana, e anche l’album aveva preso lo stesso titolo. I musicisti che avevano suonato quell’album erano José Chepito Areas (conga, percussioni, timbales), David Brown (bass), Mike Carabello (conga, percussioni), Coke Escovedo (percussioni), Luis Gasca (tromba), Gregg Rolie (tastiere, organo, pianoforte, voce), Carlos Santana (chitarra e voce), Neal Schon (chitarra), Michael Shrieve (batteria).

E fu questa, più o meno, la formazione che andò immediatamente in tour per capitalizzare il successo del disco; ma quando si trattò di pensare a un nuovo album, l’eccitazione dell’improvviso successo lasciò il posto a una fondata prudenza. “Il primo album l’avevamo registrato in tre settimane, stando in studio fino a sedici ore al giorno. Non eravamo soddisfattissimi del sound che ne era venuto fuori; con il nuovo disco volevamo fare di meglio”. Così la band ingaggiò Fred Catero, tecnico del suono di grande esperienza, ed entrò negli studi Wally Heider di Frisco. Stavolta la formazione era: José Chepito Areas (conga, percussioni, timbales), David Brown (bass), Mike Carabello (conga, percussioni), Gregg Rolie (tastiere, organo, pianoforte, voce), Carlos Santana (chitarra e voce), Michael Shrieve (batteria). Sono questi i sei musicisti che firmano collettivamente un grande album; un disco che – a differenza di alcuni altri lavori dei quali abbiamo parlato in questa rubrica – a oltre trent’anni dall’uscita conserva una freschezza e una gradevolezza straordinarie.

Spesso considerato come il primo esempio vero e proprio di “latin rock”, in realtà “Abraxas” sfugge a una categorizzazione così precisa: certo il suono tropicale è presente e caratterizzante, ma nei nove brani del disco ci sono anche jazz e blues, salsa e musica cubana, mescolati in un calderone sonoro ribollente e sorprendente. Se i due brani che trainarono l’album al numero uno delle classifiche di “Billboard” sono la ballabilissima “Oye como va” (firmata da Tito Puente) e “Black magic woman” (un brano scritto da Peter Green per i suoi Fleetwood Mac e che il gruppo non apprezzava a sufficienza da inciderla), quasi tutte le altre tracce del disco possiedono un valore aggiunto: la lenta e suggestiva “Samba pa ti”, modello di riferimento per numerose altre composizioni future di Carlos Santana; la composita “Incident at Neshabur”, la sognante e strumentale “Singing winds, crying beasts”, la ritmatissima “Se a cabo”, le roccheggianti “Mother’s daughter” e “Hope you’re feeling better” scritte da Gregg Rolie, la conclusiva, brevissima e percussiva “El Nicoya” (siglata da Jose Chepito Areas).

Avvolto in una bellissima copertina affollata di simboli – che contribuì significativamente alla notorietà del disco – “Abraxas”, originariamente edito nel 1970, è senz’altro il miglior lavoro di Santana inteso come band, e il più memorabile per l’equilibrio delle componenti stilistiche e dei ruoli dei singoli membri della band; in futuro, il chitarrista fornirà prove più alte e tecnicamente pregevoli, ma – come si dice – se dovete avere un solo disco di Santana, deve essere questo.

TRACKLIST

01. Singing Winds, Crying Beasts (04:50)
03. Oye Como Va (04:16)
04. Incident at Neshabur (04:57)
05. Se a Cabo (02:50)
06. Mother's Daughter (04:25)
07. Samba Pa Ti (04:44)
09. El Nicoya (01:29)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.