«THE ID - Macy Gray» la recensione di Rockol

Macy Gray - THE ID - la recensione

Recensione del 01 ott 2001

La recensione

Prima di lei, il “modern soul” americano e il neo-R&B al femminile si erano ridotti (Lauryn Hill ed Angie Stone a parte) a zuccherose caramelline incartate in suoni sintetici e immagini patinate da rivista di moda. Poi arrivò “On how life is”, e fu il momento di scoprire che i suoni “vintage”, le ritmiche nervose in stile Hi Records o Stax, le sezioni fiati in odor di Philly Sound - sapientemente combinate alle influenze “new school” - avevano davanti a loro giovani orecchie vergini pronte a prestare ascolto tributando onori ad una nuova genìa di soul women di talento (dopo la Gray, Jill Scott e India.Arie sono le prime due che vengono in mente). La giovane Macy, intanto, baciata da un successo discografico multiplatino, doveva pensare a fare i conti con ambizioni e pressioni di mercato crescenti: che, si sa, non si dimostrano sempre i migliori consiglieri per la buona riuscita dell’opera.
Intendiamoci: “The Id” non rinnega affatto le qualità salienti della Gray, quella sua scioltezza nel giocare sensualmente e spudoratamente con i santini della black music degli anni d’oro (’60 e ’70); ed è da lodare incondizionatamente il coraggio che l’ha spinta a ricercare per l’atteso seguito scelte più radicali e compagnie impegnative come quella del celebre produttore Rick Rubin, specialista in incendiarie commistioni tra rock e hip hop. Ma se la coppia ha fatto certamente scintille, in sala di registrazione, bisogna aggiungere che non tutte accendono la miccia sperata. C’è, nel disco, un gran dispendio di suoni, di ospiti, di arrangiamenti creativi, di strumenti esotici (il theremin di Brian Wilson e Jimmy Page!): ma il motore delle canzoni finisce talvolta per ingolfarsi, l’intelaiatura ritmico-melodica per perdersi nella luccicante grandeur dell’allestimento. Ci sono belle canzoni, e non poche, in “The Id”, ma all’album mancano la disciplina, la concisione e il rigoroso controllo di qualità che contraddistinguono molti grandi dischi del genere (e, tutto sommato, anche il suo predecessore). Non fanno difetto, al contrario, vitalità, bizzarria, ironia, idee e citazionismo musicale (a sezionare minuziosamente gli arrangiamenti, c’è da divertirsi). Basti ad esempio “Sexual revolution”, selezionata come nuovo singolo: dove un delicato preludio per archi, ottoni e pianoforte si apre inaspettatamente ad una spumeggiante cavalcata disco che non avrebbe sfigurato nella colonna sonora musical-kitsch del “Moulin Rouge” cinematografico firmato da Baz Luhrmann (con effetti, a scanso di equivoci, esilaranti e trascinanti). E già che di singoli si parla, va detto che proprio “Sweet baby”, il morbido duetto con Erykah Badu che ha anticipato l’uscita del disco, merita probabilmente la palma di pezzo più indovinato della raccolta: che si tratti anche del più prevedibile suona come un ulteriore omaggio alla freschezza del disco di debutto.
In cotanta sovrabbondanza di colore e pieni sonori, essenzialità e parsimonia esecutiva (sorretti da un ottimo inciso) fanno rifulgere una ballad come “Don’t come around”, pop soul in stile classico ma non calligrafico grazie anche alla voce inconfondibile della protagonista, “più sabbia che ghiaia” secondo la felice definizione di un recensore americano. “Freak like me” tiene il passo grazie ad un fraseggio pianistico e ad una sezione fiati avvolgenti, mentre “Harry” e “Give me all our lovin’ or I will kill you” seducono poco a poco con il loro indolente passo funkeggiante. Risulta meno convincente, a confronto, “My nutmeg phantasy” (quasi un’Anastacia in tono minore, ospite Angie Stone), mentre il funk di “Related to a psychopath” e la “street symphony” di “The world is yours” (una cover del gangsta rapper Slick Rick, presente nell’incisione) si attorcigliano un po’ su se stesse inciampando in una giungla di suoni, e la deviazione mitteleuropea-cabarettistica di “Oblivion” lascia francamente un po’ sconcertati.
La Gray ha talento da vendere, ma non è Sly Stone né George Clinton, tanto per citare due paradigmi classici di genio e sregolatezza “black”. Fossero stati solo un pizzico più controllati e meno ambiziosi, lei e Rubin, avrebbero confezionato un disco magari meno spettacolare e divertente ma più ricco di autentico feeling soul.

(Alfredo Marziano)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.