«PROGRAMMED TO LOVE - Bent» la recensione di Rockol

Bent - PROGRAMMED TO LOVE - la recensione

Recensione del 12 apr 2001

La recensione

Album d’esordio per i Bent, un duo britannico composto da Simon Mills e Mail Tolliday, da tempo frequentatori della scena house e dance. Con questo lavoro, i due dimostrano che la house e la techno sono ormai fantasmi del passato e che la loro arte si è evoluta non poco, giungendo ad una maturazione in grado di mostrare pacatezza di spirito e determinazione attraverso una serie di quadretti sempre ambientati in un universo sonoro danzereccio generato da marchingegni elettronici: un mondo sonoro che si traduce in una serie di ballate elettroniche dalle increspature folkie e dalla ricerca di atmosfera talvolta vicina all’ambient. La scena alla quale i Bent ufficialmente appartengono è quella chill out, punto di incontro fra hip-hop, lounge ed elettronica, anche se le definizioni lasciano il tempo che trovano. Perché alla fine di canzoni si tratta. Poco importa se la parte sonora è affidata a sample: conta la presenza di una voce femminile usata in modo abbastanza tradizionale (salvo i filtri utilizzati su brani come “Wrong rock”) e talvolta supportata da cori artificiali. Qualche episodio più movimentato è costituito dalla funkeggiante “I remember Johnny” e dalla jazzata “Invisible pedestrian”, mentre il singolo “Swollen”, etereo e lunare come il videoclip che lo accompagna, dura sette minuti e mezzo (ma diversi brani del disco superano i sei minuti). In un paio di episodi i Bent si lanciano anche in “improvvisazioni elettroniche”, che vengono riportate sul CD come “Exercise 1” ed “Exercise 2”. Deliziose e struggenti, le ballate d’atmosfera dei Bent hanno già conquistato la critica d’oltremanica e tentano di accattivarsi anche quella italiana.

(Diego Ancordi)

TRACKLIST

01. Exercise 1
03. Laughing gear
05. Butterfingers
06. Cyclons in love
09. Blue
11. Swollen
12. B/Bishop
13. Exercise 2
14. Invisible pedestrian
17. Alwais
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.