«5 - Lenny Kravitz» la recensione di Rockol

Lenny Kravitz - 5 - la recensione

Recensione del 26 mag 1998

La recensione

Lenny Kravitz e la sua personale rivisitazione del meglio della storia del rock, quinta puntata. In questo numero: funk, fortissimamente funk, tanta voglia di vecchi Commodores, Sly Stone, James Brown, di Blacksploitation e anche un po’ di discomusic. Rimangono in voga le precedenti esplorazioni (tanto più che come tecnico del suono troviamo Terry Manning, uno che con i Led Zeppelin ci ha lavorato davvero) e c’è da dire che il risultato finale è quello di un album che ormai sancisce quello che è un trademark consolidato di Kravitz, cioè registrare proprie composizioni all’ombra della Storia. Non che non ci sia niente di personale, nel disco, anzi: Kravitz canta da Dio, e le canzoni reggono bene, l’album ha spessore e tutto quello che volete. Soltanto, continua a sembrare orfano di un mondo che non c’è più, in un certo senso, e che forse proprio Kravitz si è scelto il ruolo di far rivivere. Registrato in digitale, con l’utilizzo massiccio di campionatori e loop, c’è da dire che "5" suona meno ruspante e più levigato e stiloso dei suoi predecessori, finendo per essere il suo disco più ‘futuribile’, sospeso tra citazioni di Starsky & Hutch ("It’s your life" e "Straight cold player", ma anche l’iniziale "Live" rievoca un mondo tutto funk) e alcuni approcci che mescolano tecnologia e soul (il bel singolo "If you can’t say no", "Black velveteen", "Little girl’s eyes"). Un buon ascolto, in conclusione, con un momento di emozione in più per "Thinking of you", brano dedicato alla madre (scomparsa di recente), l’attrice Roxie Roker, la mitica Helen del serial "I Jefferson".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.