«MARCELLO'S WIFE'S CAKE - Claude Cambed & Nocomment» la recensione di Rockol

Claude Cambed & Nocomment - MARCELLO'S WIFE'S CAKE - la recensione

Recensione del 28 apr 2001

La recensione

Claude Cambed all’anagrafe fa Claudio Cambedda. “Marcello’s wife’s cake” (in lingua patria “La torta della moglie di Marcello”) è un album cantato, pensato e costruito in inglese, comprese le note di copertina. Non a caso per alcune di queste canzoni sono stati conclusi dei contratti di edizione negli Stati Uniti. Il disco sta nel mezzo di una trilogia dedicata alla musica che ci è arrivata dall’estero negli ultimi decenni. Il primo è uscito nel 1993, dedicato agli anni ottanta, tra pop e altri influssi, il terzo ai sessanta, e uscirà quest’anno. Sono quindi gli anni settanta ad essere affrontati in questo secondo, dove al timone generalmente c’è, in tutte le sue varianti, il rock da FM anglo-americano (Toto e dintorni), con tastiere e chitarre con tutti i crismi del genere.
Non mancano però puntate verso altri lidi: “No one else” e in buona parte anche “You gave me love”, sono fortemente impregnate di Beatles nell’armonia e nella melodia, ma i riferimenti sono vari e soprattutto chiari, dagli Eagles (“Everyday, anyway”, ripresa giocandoci sopra anche come traccia fantasma) ai Police (“Too clever”), da Hendrix (“World of glory”) ai Led Zeppelin. Ascoltando i pezzi, che sono stati scremati da una rosa di trenta canzoni, spesso c’è proprio la sensazione di essere finiti nella macchina del tempo.
Da segnalare il metodo con cui è stato creato l’album: “usavo” – spiega Cambed – “la tecnica della composizione che io definisco immediata: l'idea iniziale veniva sviluppata dal vivo, durante le prove”.
Si può discutere sull’opportunità di fare un disco così sfacciatamente americano in Italia, ma, accantonato in qualche modo questo problema, va detto che il risultato è formalmente buono. “Musica che può attirare ascoltatori che hanno età compresa fra i 30 e 50 anni” spiegano le note. Probabile. Diciamo che i patiti del genere non resteranno delusi. Gli altri forse si annoieranno un po’ e cercheranno qualche disco con launeddas, chitarra battente, ghironda e organetto diatonico.

(Francesco Casale)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.