«LIVE - Pat Metheny» la recensione di Rockol

Pat Metheny - LIVE - la recensione

Recensione del 07 feb 2001

La recensione

Le note che accompagnano questo disco si danno un bel da fare per tirare un filo che unisca l'esperienza live e di studio dell'ultimo Pat Metheny Trio - composto, oltre allo stesso Metheny, da Larry Grenadier al basso e da Bill Stewart alla batteria - a quella della prima incarnazione dello stesso, nel quale militavano l'indimenticabile Jaco Pastorius al basso e il batterista Bob Moses. Era il 1975 e "Bright size life" segnava l'esordio discografico del chitarrista statunitense, mettendo sin da subito in risalto uno stile che avrebbe rivoluzionato il modo stesso di intendere e costruire fraseggi e progressioni armoniche. Neanche a farlo apposta, questo "Trio live" pubblicato a testimonianza del fortunato tour mondiale effettuato da Metheny, si apre proprio con la title-track di quell'album, vale a dire "Bright size life", riportando all'orecchio dei fans una delle composizioni più amate del suo repertorio.
Per il resto il nuovo doppio album di Metheny contiene cover famose ("Giant steps", "All the things you are"), classici del repertorio del Pat Metheny Group ("James", "So may it secretly begin"), delle sue escursioni soliste ("Into the dream", "Question and answer") e tre inediti ("Night turns into day", "Counting Texas" e "Faith healer"), e sembra quasi assemblato con l'obiettivo di ridisegnare una scaletta che tragga spunto dalle sue variegate esperienze artistiche per rileggerle con le potenzialità del trio. Bisogna dire subito, per allertare i fan del Pat Metheny più lirico e liquido, che in questo album troveranno ben poco delle sognanti atmosfere del Pat Metheny Group: niente tastiere, niente assoli appoggiati, quasi cantati, su tappeti di piano e una ritmica morbida e veloce, niente contaminazioni brasiliane o etniche. Del resto Metheny ha sempre inframmezzato la sua attività con il PMG, divenuta sempre più mainstream con il passare degli anni, con incursioni in territori jazz dalle coordinate spesso proibitive: chi ricorda il trio di "Rejoicing" (1984) e l 'omaggio a Ornette Coleman "Song X" (1986) sa di cosa stiamo parlando. Piuttosto, "Trio live" sembra la testimonianza più fedele e omnicomprensiva del 'jazz evoluto' che Pat Metheny è arrivato a praticare adesso che si avvicina alle 50 primavere, un jazz capace di mescolare di continuo i suoi linguaggi base (be bop, cool, free) viaggiando ad un alto grado di perfezione formale e poetica. Si suona da professionisti, in interplay con se stessi oltre che con gli altri; ogni sentire è espresso da uno, amplificato dagli altri, ricatturato e rimesso in circolo da chi lo aveva liberato poco prima. Metheny si prende i suoi assoli e ne lascia altrettanti ai suoi pard, coinvolgendoli in un paio di esperimenti ardimentosi a tratti al limite del rumorismo, come nel caso di "Faith healer", o di grande libertà formale, come nella conclusiva "Counting Texas". John Coltrane, Ornette Coleman rimangono oggi più che mai i suoi punti di riferimento, cui buona parte del lavoro fatto con il nuovo trio si ispira, ma non si possono dimenticare alcuni passati esperimenti musicali (l'album "Zero tolerance for silence", puro rumorismo per chitarra) per comprendere il significato di certe sfide che Metheny si lancia da solo. "Trio live" è forse un album poco fruibile, raramente in grado di parlare quella lingua trasversale che ha reso Metheny uno dei chitarristi più celebrati del pianeta, ma tant'è: è un album in cui il jazz domina sovrano con il suo combo più insidioso e perfetto, il trio. Roba da professionisti.


(Luca Bernini)

TRACKLIST

CD 1
03. Giant steps
04. Into the dream
06. The bat
07. All the things you are

CD 2
01. James
02. Unity village
03. Soul cowboy
04. Night turns into day
05. Faith healer
06. Counting Texas
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.