«69 SONGS - Magnetic Fields» la recensione di Rockol

Magnetic Fields - 69 SONGS - la recensione

Recensione del 29 gen 2001

La recensione

Per descrivere l'amore 40 canzoni a Stephin Merritt sembravano poche. O forse gli piaceva di più l'idea di comporne 69, per arrivare a quel numero magico che rimanda a pratiche sessuali innominabili. Già, ma che cos'è l'amore per Merritt, a parte un incastro, una posa sessuale curiosa? L'amore è come la vita. E se la vita si porta appresso un'inspiegabile e insostenibile leggerezza (o pesantezza) dell'essere, l'amore, impalpabile, etereo sentimento soggetto alle bizze del tempo e di chi lo vive, è insieme qualcosa di serio e faceto. "I'm crazy for you but not that crazy" canta in una delle 69 canzoni racchiuse in questo bellissimo album. "Sono pazzo di te ma non così pazzo". Come dire: con che metro si misura un sentimento così leggero e insieme pesante, che governa e distrugge i rapporti con la persona più cara? E Merritt, davanti a un simile quesito, che fa? Ci fa sopra una risata, tradotta in country e folk song (soprattutto, nei passaggi più "intimisti", più sentiti) alla Belle & Sebastian, in ballate synth pop in perfetto stile anni '80, in brani a metà strada tra la tradizione americana e le canzoni alla Smiths. Il tutto cantato con uno stile che, a seconda dell'angolazione e dell'emozione con cui vive l'amore e le sue sfaccettature, ricorda via via Costello, Lou Reed, Morrissey, Bruce Sprigsteen ma soprattutto Philip Oakey, cantante tenebroso e dalle timbriche vocali baritonali che ha dato vita alle canzoni degli Human League, una vera ossessione per Merritt (ha anche formato una band che faceva solo cover del gruppo synth pop di Sheffield). E poi, con un sorriso melodrammatico sulle labbra, con quel suo "vocione", fa il verso ai crooner di Las Vegas. Sempre, in ogni canzone, con qualche sfavillante trovata scenica (vedi alla voce sonorità inaspettate, arrangiamenti per archi impeccabili) che fanno ascoltare questo disco "pesante" (nel suo formato, un triplo), con una leggerezza impensabile.


(Gianpaolo Giabini)

TRACKLIST

CD1
01. Absolutely cuckoo
02. I Don't believe in the sun
03. All my little words
04. Chicken with its head cut off
05. Reno Dakota
06. I don't want to get over you
07. Come back from San Francisco
08. Luckiest guy on the Lower East Side
09. Let's pretend we're bunny rabbits
10. Cactus where your heart should be
11. I Think I need a new heart
12. Book of love
13. Fido, your leash is too long
14. How fucking romantic
15. One you really love
16. Punk love
17. Parades go by
18. Boa constrictor
19. Pretty girl is like...
20. My sentimental melody
21. Nothing matters when we're dancing
22. Sweet-Lovin' man
23. Things we did and didn't do

CD2
01. Roses
02. Love is like jazz
03. When my boy walks down the street
04. Time enough for rocking when we're old
05. Very funny
06. Grand canyon
07. No one will ever love you
08. If you don't cry
09. You're my only home
10. (Crazy for you but) not that crazy
11. My only friend
12. Promises of eternity
13. World love
14. Washington, D.C.
15. Long-forgotten fairytale
16. Kiss me like you mean it
17. Papa was a rodeo
18. Epitaph for my heart
19. Asleep and dreaming
20. Sun goes down and the world goes dancing
21. Way you say good-night
22. Abigail, Belle of Kilronan
23. I shatter

CD3
01. Underwear
02. It's a crime
03. Busby Berkeley dreams
04. I'm sorry I love you
05. Acoustic guitar
06. Death of Ferdinand de Saussure
07. Love in the shadows
08. Bitter tears
09. Wi' nae wee bairn ye'll me beget
10. Yeah! oh, yeah!
11. Experimental music love
12. Meaningless
13. Love is like a bottle of gin
14. Queen of savages
15. Blue you
16. I can't touch you anymore
17. Two kinds of people
18. How to say goodbye
19. Night you can't remember
20. For we are the king of boudoir
21. Strange eyes
22. Xylophone track
23. Zebra
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.