«RECORD - Super B» la recensione di Rockol

Super B - RECORD - la recensione

Recensione del 01 ott 2000

La recensione

Secondo album per i pisani SuperB, dopo l’esordio del 1998 accolto senza grandi entusiasmi dalla critica. I due anni trascorsi da allora sembrano essere stati utilizzati bene dal gruppo, che mostra di avere fatto un buon lavoro. Dei ventuno brani composti per il nuovo album, ne sono stati scelti una dozzina che mostrano una netta maturazione rispetto al precedente “SuperB”. L’ascolto lascia trasparire la ricerca di una propria dimensione sonora, equamente divisa fra modelli inglesi e americani e sporcata dall’uso di oggettistica di vario genere: bottiglie di vetro e di plastica, microfoni giocattolo, cucchiaini, calcolatrici, zucche... Per il resto, ci troviamo di fronte a un guitar pop interamente giocato su chitarre in perenne distorsione e arricchite da qualche effetto elettronico. Chitarre ruvide, spesso doppiate da un’acustica, a supporto di un cantato svogliato e al limite del lamentoso. Il disco parte bene, con i suoi due episodi migliori, “La storia” e “La mia voglia”, per proseguire con il pop-punk di “io:x=20:persi”, uscito a fine maggio come singolo. Poi i ritmi si smorzano e “Record”, a parte “Un’estate ancora”, si trasforma in un album di ballate: alcune elettroacustiche (il secondo singolo “Down by low” e “La fine della pioggia”), alcune lentissime (“Ninnanotte”), altre elettriche (“Pesce palla”), mentre altre ancora contrappongono la dolcezza del cantato alla ruvidezza delle chitarre (“L’ultima carezza”). Un netto passo avanti rispetto al disco precedente, anche se la resa delle canzoni è ancora un po’ discontinua.
(Diego Ancordi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.