«TOKYO '96 - Keith Jarrett» la recensione di Rockol

Keith Jarrett - TOKYO '96 - la recensione

Recensione del 02 giu 1998

La recensione

Il trio: Keith Jarrett, Gary Peacock, Jack DeJohnette. Il posto: Orchard Hall, Tokyo. Il giorno: 30 marzo 1996. I brani: "It could happen to you", "Never let me go", "Billie’s bounce", "Summer night", "I’ll remember april", "Mona Lisa", "Autumn leaves", "Last night when we were young", "Caribbean sky", "John’s abbey", "My funny valentine", "Song". C’è bisogno di aggiungere qualcosa? Chi conosce Jarrett non si perderà questo album, ennesimo capitolo della rilettura degli standard jazz che il pianista statunitense mette in atto ormai da oltre 10 anni con il suo inossidabile trio. Per chi non lo conosce si può dire soltanto che Jarrett è attualmente uno dei tre più importanti pianisti di jazz del mondo, che il suo stile ha influenzato il mondo e che le registrazioni contenute in questo cd sono splendide e ispirate. Jarrett ormai suona se stesso, lontano chilometri da altri che, prima di lui, si erano cimentati nell’avventura del trio piano+sezione ritmica, come ad esempio Bill Evans. La "Autumn leaves" di Jarrett si muove spavalda rispetto alla lettura evansiana, reclama una propria indipendenza, mentre fioriture da clavicembalo vanno ad arricchire il tema iniziale di "Billie’s bounce". Momenti più intimisti colorano i brani firmati da Jarrett e in questo coacervo di contemporaneità, musica colta e jazz ‘illuminato’ il pianista salda il suo ennesimo debito con i grandi standards della canzone. Uno standard, appunto.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.