T-Pain mette all'asta i suoi 'gioielli'

T-Pain venderà all’asta la sua vasta collezione di cappelli.

L’artista ha infatti oltre 300 copricapo realizzati appositamente per lui che presto saranno a disposizione dei suoi fans su e-bay. Ogni articolo sarà numerato ed autografato dal cantante per accrescerne ulteriormente il valore. I proventi della vendita saranno devoluti in beneficenza. Intanto T-Pain ha diramato un comunicato ufficiale per scusarsi con il presidente della Jive Records, Barry Weiss, vittima delle sue battute antisemite durante la festa a New York per il lancio del suo nuovo album "Thr33 ringz: “Ho invitato sul palco il signor Weiss per esprimergli la mia gratitudine nell’aver creduto in me. Il nostro è un rapporto di reciproco rispetto e non c’era alcuna intenzione nelle mie parole di offenderlo. Mi scuso pertanto con tutti coloro che si sono sentiti offesi dalle mie battute”. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.