Busta Rhymes ottiene il permesso per esibirsi a Londra

Busta Rhymes ottiene il permesso per esibirsi a Londra

Busta Rhymes ha vinto la sua battaglia legale con le autorità doganali inglesi.

Il rapper è stato trattenuto per dodici ore all’aeroporto London City di Londra lo scorso giovedì (vedi News), per via dei suoi numerosi reati negli Stati Uniti. L’artista era previsto in concerto alla Royal Albert Hall venerdì 26 settembre per una speciale serata benefica, dedicata ad oltre cinquemila volontari della città. Il suo avvocato però è riuscito a bloccare le pratiche di deportazione ed ottenuto dal giudice il permesso necessario per consentirgli di esibirsi regolarmente e non deludere i fans. Tuttavia, il giudice intende continuare il procedimento e decidere se bandire il rapper dal Regno Unito in futuro. Al concerto, oltre a Rhymes, si sono esibiti John Legend, Ludacris, The Automatic, Feeder e Guillemots. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.