Swaziland e Namibia litigano per Michael Jackson

Swaziland e Namibia litigano per Michael Jackson
La possibilità di ospitare il casinò di Michael Jackson sta facendo bisticciare Swaziland e Namibia. La superstar ha intenzione di investire alcuni dei suoi miliardi nel primo dei due Stati africani, ma il miraggio dei dollari e del boom in turismo e occupazione rappresentato dal progetto di Jackson ha indotto la Namibia a invitarlo durante l'estate e accoglierlo come un Papa. Ora re Mswati III, innervosito, ha chiesto rassicurazioni sulle intenzioni di Jacko e del suo partner in affari, il costruttore di casinò Don Barden. Questi, messo alle strette, ha dichiarato che entrambi i paesi possono garantire il successo del progetto, ma lo Swaziland ha una posizione geografica vantaggiosa nell'area sudafricana.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.