A Carlo Boccadoro il premio CartaCanta per "Bach/Prince. Vite parallele"

Per il miglior libro di argomento musicale di autore italiano
A Carlo Boccadoro il premio CartaCanta per "Bach/Prince. Vite parallele"

È stato assegnato il premio "CartaCanta" per il miglior libro di argomento musicale di autore italiano pubblicato fra settembre 2020 e agosto 2021. La giuria, presieduta da Franco Zanetti e costituita da Marta Blumi Tripodi, Enrico Casarini e John Vignola, si è espressa a favore di "Bach/Prince. Vite parallele", scritto dal pianista, compositore e musicologo Carlo Boccadoro e pubblicato da Einaudi nel marzo 2021 (qui la recensione di Rockol).
Carlo Boccadoro, compositore e direttore d’orchestra, è nato a Macerata nel 1963.

Vive e lavora a Milano. Collabora con solisti e orchestre in diverse parti del mondo. E’ autore di nove libri di argomento musicale.
 
Questa la motivazione:
“Carlo Boccadoro è riuscito a unire storie e musiche apparentemente lontane nelle intenzioni e negli esiti. Lo ha fatto trovando non solo - o non tanto - affinità strutturali o biografiche fra due compositori attenti ai dettagli artigianali della loro opere, ma raccontando, con molta autorevolezza e senza pedanterie, quanto la musica popolare sia un ponte gettato verso il futuro, una questione di disciplina e di dedizione, un risorgere continuamente da ogni avversità”.
 
Carlo Boccadoro ha così commentato: 

“Non ho mai partecipato ad alcun premio in vita mia. 
Nel campo della musica classica, in cui normalmente lavoro, ho sempre avuto in mente la frase del grande compositore Bèla Bartòk: "Le competizioni vanno bene per i cavalli, non per gli artisti", quindi non ho mai proposto nulla  a concorsi per le mie composizioni e neppure per i libri, essendo inoltre io fieramente oppositore del concetto di competizione: non credo infatti che i miei colleghi compositori siano degli avversari da battere, così come non credo che gli autori degli altri libri presenti nella cinquina del premio CartaCanta lo siano, anzi. Mi sembrano tutti libri molto interessanti, che creano una pluralità di voci e opinioni quanto mai necessaria in un momento di tristissima omologazione culturale come quello che stiamo vivendo.

Ovviamente sapere che una giuria composta da persone di prestigio ed esperte di Musica abbia scelto il mio libro mi fa molto piacere, così come mi fa piacere che sia un premio nato non dal mondo dell'Accademia ma da quello della musica popolare, che da sempre mi sembra possedere una vitalità culturale spesso dimenticata o ignorata nell'ambiente cosiddetto "classico". Ho iniziato la mia vita di ascoltatore a cinque anni con la musica rock, ho conosciuto quella classica solo molti anni più tardi, quindi da sempre considero i suoni che nascono fuori dal Conservatorio come parte del mio DNA personale e artistico.

Ringrazio di cuore la commissione che ha voluto premiare il mio libro, che cerca di mettere assieme mondi solo apparentemente diversi descrivendo due grandi artisti legati a doppio filo dall'amore per il proprio lavoro (oltreché dal loro genio musicale, naturalmente)”. 

La consegna del premio si è svolta nella sede dell'Associazione Culturale Ar.Ca. di Brescia (la fotografia di questo articolo è di Marilena Mura - Studio Movida). All'autore del libro vincitore, oltre al simbolico fermalibri, è stato consegnato un quadro a tema appositamente dipinto dal compositore Fabio Ilacqua, dal titolo "Un racconto nella testa".
 
La Giuria ha anche segnalato con una menzione speciale un altro dei libri della cinquina finalista, "Siamo noi a far ricca la terra (Claudio Lolli)" di Marco Rovelli (minimum fax), "per l'impegno dell'autore nel dare alla sua riflessione sulla figura del cantautore bolognese una forma che supera la classica esposizione biografica con un approccio polifonico".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.