"Le cose che restano": Paolo Fresu racconta Ezio Bosso

Un estratto dal film dedicato al musicista piemontese scomparso nel maggio 2020 sarà nei cinema italiani per tre giorni: il 4, 5, 6 ottobre
"Le cose che restano": Paolo Fresu racconta Ezio Bosso

Dopo essere stato presentato in anteprima nella sezione 'Fuori Concorso' della 78esima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, il documentario musicale “Ezio Bosso. Le cose che restano” di Giorgio Verdelli, prodotto da Sudovest Produzioni, Indigo Film con Rai Cinema è atteso in uscita nelle sale cinematografiche italiane con Nexo Digital (in collaborazione con i Media Partner Radio DEEJAY, MYMovies.it e Rockol.it) solo per tre giorni: il 4, 5, 6 ottobre (qua le info su sale e biglietti)

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/6fWUhsE0hzJBwv3yiBsA-vd6yP4=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/eziobosso-poster-100x140-5.jpg
Il film mette al suo centro la carriera e l’esistenza di Ezio Bosso, musicista scomparso all'età di 48 anni il 14 maggio 2020. Nel lungometraggio il racconto è affidato alle parole dello stesso pianista e direttore d'orchestra torinese, attraverso la raccolta e la messa in fila delle sue riflessioni, interviste, pensieri in un flusso di coscienza che si svela e ci fa entrare nel suo mondo, come fosse un diario.

Ecco, in anteprima, una clip dal film che racconta una leggendaria jam session con Paolo Fresu

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.