Un documentario su "Bella ciao"

Sarà una coproduzione anglo-italiana
Un documentario su "Bella ciao"

Millstream Films and Media ed Ala Bianca Group hanno firmato un accordo di produzione per History Channel per il docufilm “Bella Ciao, Song of Rebellion”. Il documentario sulla vera storia della canzone popolare più famosa al mondo sarà in onda su History Channel in autunno 

L’ideazione del progetto, avvenuta a Modena nel 2019, vede coinvolti in partnership Millstream Films & Media - società britannica con sede italiana operativa a Bologna con consolidata esperienza nel racconto non-fiction - e Ala Bianca Editore, titolare - assieme alle Edizioni Bella Ciao srl - dei diritti di “Bella Ciao”, resi disponibili in esclusiva  per la sincronizzazione nel documentario.

 
Da Praga nel 1947, al Festival della Gioventù Democratica dove "Bella ciao" venne presentata già nella versione partigiana, dal Festival di Spoleto del 1964, dove si cantò una "Bella Ciao", in versione popolare mondine, ai partigiani della brigata Maiella (Abruzzo) e Brigata Garibaldi (Marche ), probabilmente i primi a mixare le melodie tradizionali con le parole partigiane, il documentario “Bella Ciao, Song of Rebellion” è un viaggio nel tempo, alla scoperta delle stratificazioni musicali di una partitura misteriosa, che si è modificata e trasformata fino a diventare patrimonio collettivo.

L’itinerario di ricerca parte ad ottobre 2020 con l’intervista a Fausto Amodei, cantautore e musicologo, autore de “Per i morti di Reggio Emilia”, tra le ‘colonne sonore’ degli anni ’70, il primo che nel ’63  rielaborò, trascrisse e registrò il copyright della versione partigiana di "Bella Ciao".

Poi all’icona della musica popolare italiana, Giovanna Marini, che fu protagonista dello spettacolo ‘Bella Ciao’ del Nuovo Canzoniere Italiano a regia Roberto Leydi e Filippo Crivelli, divenuto leggendario a seguito della rappresentazione al Festival di Spoleto del 1964 a causa delle polemiche, degli scontri politici e del clamore suscitato che contribuirono ad aumentare la popolarità di "Bella Ciao". Tra le altre interviste quella con Stefano Arrighetti, Presidente dell'Istituto Ernesto de Martino, il più grande archivio d’Europa sulla canzone popolare, sociale e di lotta, Paolo Pietrangeli, regista, scrittore, autore di “Contessa” l’inno del ’68 cantato nelle piazze da operai e studenti, fino a Debora Kooperman, che evoca la scena musicale a New York negli anni ’60. .


Con l’aiuto di etnomusicologi e studiosi, quali lo storico Cesare Bermani, esponente di spicco di una tradizione di ricerca basata sull’utilizzo delle fonti popolari, il documentario indaga le radici più profonde di "Bella Ciao", rintracciando l’origine della melodia da una canzone filastrocca di origini trentine e venete e da un canto piemontese, e ancor prima in una canzone francese del 1500 e in un canto Yiddish dell’Est Europa.

Ulteriori testimonianze e inediti materiali d’archivio sono stati raccolti anche in Germania, Francia e Cile.

 

Qui un trailer  

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.