In che modo "You Could Be Mine" dei Guns N' Roses finì in 'Terminator 2'

Era il 1991, per il suo film Arnold Schwarzenegger voleva i numeri uno
In che modo "You Could Be Mine" dei Guns N' Roses finì in 'Terminator 2'

Agli inizi degli anni Novanta Arnold Schwarzenegger era uno degli attori più pagati dall'industria cinematografica e si apprestava a girare il secondo capitolo della saga di Terminator diretta dal regista James Cameron.

L'ex culturista austriaco voleva che per quella pellicola tutto fosse perfetto, anche la colonna sonora. A quel tempo la rock band numero uno del mondo era quella dei Guns N'Roses. Ecco, nella soundtrack del suo film voleva ci fossero anche Axl Rose e i suoi compagni Era così determinato ad averli che invitò il gruppo a cena, dove strinse un accordo personale con i Guns per usare "You Could Be Mine".

La canzone è stata riprodotta nei titoli di coda del film ed è risuonata anche durante alcune delle prime scene.



"You Could Be Mine" esisteva in parte anche prima che la band pubblicasse, nel 1987, il primo album "Appetite for Destruction".

Durante la prima prova di pre-produzione per il disco, il gruppo era così in forma che accidentalmente inventò una nuova canzone. Sulle prime aveva un altro titolo: "Cocaine Talking". In un'intervista del 1988, il bassista Duff McKagan tenne a spiegarne il significato. "Molte delle voci riguardo la droga su di noi hanno avuto inizio perché abbiamo scritto una canzone chiamata "Cocaine Talking". Ma quella canzone non parla di noi. (…) Se ascolti il testo, parla di come tutte queste belle e giovani ragazze di Los Angeles non possano fare nulla prima di farsi la loro coca. La canzone non è sicuramente una canzone a favore della cocaina. Riguarda come la merda ti fotte davvero la testa". .

Nel 2011, il chitarrista Slash ha ricordato che, a parte il titolo, la canzone non è cambiata molto durante i suoi anni chiusa nel cassetto, dicendo che "You Could Be Mine" "era uno dei riff di Izzy (Stradlin, chitarrista dei Guns N'Roses, ndr), e come sempre con Izzy, lui aveva suonato qualcosa che mi catturò l'orecchio, e io sarei stato al gioco, ma col mio stile".

La canzone alla fine non venne inclusa nell'album "Appetite for Destruction" e quando "You Could Be Mine" finì per far parte della colonna sonora di Terminator 2, la batteria era suonata da Matt Sorum, che nel frattempo aveva sostituito Steven Adler, alle prese con grossi problemi di droga, guarda un po'. Nel 2009 Sorum di quel brano disse: ""You Could Be Mine" si distingue perché rappresenta il mio ingresso nei Guns N' Roses".

Il brano venne pubblicato il 21 giugno 1991 come settimo singolo in assoluto dei Guns N' Roses e fu il primo estratto dai due album intitolati "Use Your Illusion" ("You Could Be Mine" fa parte della tracklist di "Use Your Illusion 2"). La canzone, come il film, ebbe un grande successo. Il batterista dei GNR degli ultimi tempi, Frank Ferrer, ha dichiarato che questa era la sua canzone preferita nella scaletta del tour del 2016, "E' molto divertente. È come cambiare marcia in una automobile. È fuori di testa".

Slash invece nel suo libro di memorie del 2008 ha rivelato di avere un rimpianto su questa canzone: "È stata scritta durante le sessioni di 'Appetite' e ho sempre pensato che avrebbe dovuto stare su quell'album. Ricorda più quel periodo di qualsiasi altra cosa sugli 'Use Your Illusion'”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.