Jimi Hendrix e la migliore cover di tutti i tempi

Nei quattro album pubblicati in vita dal grande chitarrista di Seattle vi sono inclusi solo due brani di altri artisti. O forse tre.
Jimi Hendrix e la migliore cover di tutti i tempi

Ogni volta che si parla di Jimi Hendrix si cita il fatto che è stato uno dei più grandi chitarristi rock di sempre e ci si dimentica troppo spesso che il musicista scomparso a soli 27 anni il 18 settembre 1970 era anche l'autore dei brani che interpretava. Nei suoi album sono state incise solamente due cover.

Anche se la carriera di Jimi Hendrix deve moltissimo a "Hey Joe", brano composto nei primi anni Sessanta da Billy Roberts.

Fu proprio dopo averlo visto darne la sua versione al Cafe Wha? di New York, che il bassista degli Animals Chas Chandler, molto impressionato dalla maestria sul palco del mancino di Seattle, si offrì di gestirlo e di produrre i suoi dischi in Inghilterra, la nazione dove Hendrix fece fortuna.

A proposito di cover, si diceva. Nella tracklist della edizione britannica del suo primo album "Are You Experienced", pubblicata nel maggio 1967, "Hey Joe" non era inclusa (mentre lo era nell'edizione americana uscita tre mesi più tardi). Anche nel secondo disco, "Axis: Bold as Love", uscito nel dicembre 1967 non compaiono brani scritti da altri. Le uniche cover incluse in un album di Jimi Hendrix sono contenute nel terzo e ultimo capitolo discografico della Jimi Hendrix Experience "Electric Ladyland", e sono “Come On” di Earl King e "All Along the Watchtower" di Bob Dylan. E pure nell'album dal vivo pubblicato con la Band of Gypsys di cover non v'è traccia.

"All Along the Watchtower" da molte parti è considerata la più grande cover mai eseguita ed è, senza dubbio, la più grande cover mai fatta di una canzone di Bob Dylan. Questa canzone ha segnato anche il più grande successo come singolo di Jimi Hendrix negli Stati Uniti, dove non riscuoteva il medesimo successo che aveva in Gran Bretagna, raggiungendo una assai modesta posizione numero venti della classifica.



Bob Dylan, dal canto suo, amava molto la "All Along the Watchtower" di Hendrix e ha riconosciuto il dato di fatto che lo sfortunato chitarrista ha trasformato la sua canzone - pubblicata nell'album "John Wesley Harding" nel dicembre 1967, in un inno senza tempo e per questo motivo non poteva che essergli grato.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.