5 Album indimenticabili per una serata tranquilla

5 Album indimenticabili per una serata tranquilla

Articolo Promozionale

Passare una tranquilla serata casalinga, da soli o in compagnia, è un passatempo spesso molto sottovalutato. Eppure a volte si vuole semplicemente rilassarsi e dimenticarsi di tutti i problemi della vita quotidiana. Un buon modo per farlo è sistemarsi su una comoda poltrona e ascoltare della buona musica: di seguito si elencano i migliori album per passare una serata piacevole.

1. The xx - xx

Quando si presentano sulla scena con il loro album di debutto nel 2009, gli xx sono un gruppo giovane e sconosciuto. Colpiscono però subito per il loro sound unico, che unisce musica elettronica, rock, indie e pop: molti dei loro pezzi si ispirano infatti ad artisti come Interpol, Radiohead, Joy Division e The Cure.

Nonostante si tratti di un album breve, xx riesce a essere un disco pieno e completo, che non lascia insoddisfatti alla fine dell'ascolto.

2. Massive Attack - Mezzanine

Il trip-hop ha avuto origine a Bristol sul finire degli anni '80, e sono stati proprio i Massive Attack a creare e rendere famoso questo nuovo genere musicale. Con Mezzanine, uscito nel 1998, il gruppo inglese è stato in grado di portare il trip-hop a livelli mai visti prima.

Grazie a pezzi come Inertia Creeps e Teardrop, con la voce di Elizabeth Fraser, Mezzanine si distingue per il suo essere allo stesso tempo un disco innovativo e un‘espressione di tradizioni musicali affermate.

3. Moby - Play

Moby era già un musicista affermato quando ha pubblicato il suo quinto album, Play, nel 1999. Anche se questo album è probabilmente il meno innovativo della discografia di Moby, è stato quello che lo ha lanciato verso il successo mondiale: molte delle tracce sono infatti particolarmente orecchiabili, adatte quindi a un pubblico più vasto.

Questo però non significa che Play sia un disco noioso o pop: la personalità di Moby è ben presente dall'inizio alla fine, e il sound che caratterizza tutta la sua musica è comunque evidente. Si tratta però di un album semplice, che non richiede un ascolto troppo attento, quindi perfetto per una serata tranquilla.

4. Ludovico Einaudi - Seven Days Walking

Più che un album lo si potrebbe definire un vero e proprio progetto musicale. Il compositore italiano Ludovico Einaudi ha infatti pubblicato sette diversi dischi nel corso di altrettanti mesi, fino a ottenere un'opera magna della durata di più di sei ore.

Una particolarità di quest'opera è la presenza di più tracce con lo stesso titolo, che si differenziano solo per alcuni piccoli dettagli. Questo potrebbe far pensare a un album molto ripetitivo, ma non è così: anche se certi motivi si ripetono e gli strumenti utilizzati sono sempre gli stessi, Einaudi è stato in grado di conferire personalità diverse a tutte le tracce.

5. Portishead - Dummy

L'album di debutto della band trip-hop di Bristol è stato pubblicato nel 1994 e fin da subito ha avuto un notevole successo. Col tempo, si è rivelato essere uno degli album più influenti di quegli anni e ha contribuito a definire meglio la corrente musicale che aveva visto il suo inizio grazie ai Massive Attack.

I Portishead sono una band particolare: un giovane fan dell'hip-hop, un chitarrista jazz di mezza età e una cantante con pochissima esperienza. Eppure Dummy è un album che, nella sua ecletticità, racchiude un pensiero unico, ispirato in gran parte alle più famose colonne sonore cinematografiche: grazie a un mix perfetto di elettronica e tradizione, è un album impossibile da interrompere.

Come ascoltare la musica

Ormai il modo più pratico per ascoltare musica è usare un servizio in streaming come Spotify. Grazie ad esso, infatti, si ha accesso a un catalogo sterminato di musica di tutti i tipi, sempre a portata di mano. Ci sono però alcuni potenziali problemi legati all'ascolto della musica in streaming: il catalogo è infatti diverso a seconda del paese in cui ci si trova, e in alcuni paesi Spotify potrebbe essere addirittura bloccato.

Per aggirare queste limitazioni, la soluzione migliore è quella di usare una VPN che permetta di selezionare il server a cui collegarsi. Quando si usa una VPN, infatti, ci si collega a un apposito server remoto che fa da intermediario: scegliendone uno che si trova in un paese specifico, quindi, è possibile accedere al rispettivo catalogo Spotify. Questa funzionalità torna utile anche quando si è in viaggio in paesi con regole molto restrittive sullo streaming e non si vuole perdere l'accesso alla propria musica. Basta quindi scaricare una VPN gratis per fare una prova e verificare che sia possibile scegliere personalmente il server a cui collegarsi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.