Festa della Donna: Serena Abrami canta "Feeling good"

Una canzone per l'8 marzo
Festa della Donna: Serena Abrami canta "Feeling good"

“Feeling Good” è stata scritta per esprimere l'euforia che deriva dalla liberazione da un'oppressione. Ne sono autori i britannici Anthony Newley e Lesley Bricusse, che la scrissero per il musical "The Roar of the Greasepaint, the Smell of the Crowd", che fu rappresentato in Gran Bretagna (interpretato da Elaine Page) nel 1964, prima di approdare a Broadway l'anno seguente.
"The roar..." è un'allegoria sui temi del potere, delel classi sociali e della razza. I protagonisti che vi interagiscono sono Sir e Cocky, ma la canzone è affidata all'interpretazione di un terzo personaggio, The Negro (poi ribattezzato, in repliche successive, "the Stranger" o "The Black Man". 


E' lui (interpretato da Cy Grant in UK e da Gilbert Price a Broadway) che canta "Feeling good", che al principio non sembrava un brano destinato a fare storia. Fra i primi ad accorgersi della canzone fu John Coltrane, che la registrò al sax, e fu seguito da Sammy Davis Jr. Ma fu Nina Simone a catturare l'essenza del brano. Lei e il suo arrangiatore Hal Mooney lo affidarono all'esecuzione strumentale di una big band, sulla quale Nina offrì una performance vocale strepitosa. Pubblicata durante le proteste per i diritti civili dei neri, la canzone rispecchiava il desiderio di libertà della popolazione di colore, e assunse il ruolo di inno non ufficiale della protesta contro ogni discriminazione.

La ascoltiamo qui - dedicandola a tutte le donne -  nella versione voce e chitarra di Serena Abrami, la cantante (e cantautrice) marchigiana che ha debuttato discograficamente nel 2010 con un EP contenente un inedito scritto da Ivano Fossati, "Tutto da rifare", ha partecipato nella categoria "Nuove Proposte" al Festival di Sanremo del 2011 con "Lontano da te" di Niccolò Fabi, e dopo la pubblicazione di due album da solista è ora la voce dei Leda.

"Feeling good" è stata nel tempo incisa anche dai Traffic (in "Last exit", 1969), dai Muse (in "Origin of symmetry", 2001), da Michael Bublé (nel 2005), da Adam Lambert (nel 2009), da Lauryn Hill nel 2015, da George Michael (nell'album "Symphonica", del 2016).
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.