“Aqualung”, quando i Jethro Tull diventarono epici

Un album che consegnò Ian Anderson e soci alla storia. Un mix di suoni capace di passare dall’hard rock a influenze mistiche e raffinate.
“Aqualung”, quando i Jethro Tull diventarono epici

Uscito nel 1971, proprio nella fioritura del progressive rock, “Aqualung”, complesso, ritmicamente variegato e irregolare, ma allo stesso tempo accessibile, lasciò di sasso una critica abituata a sonorità folk rock e blues più lineari contenute nei precedenti tre album: “This was”, “Stand up” e “Benefit”, dischi che non lasciavano presagire l’avvento del raffinato “Aqualung”.

Una pietra miliare che ha rappresentato un cambio di rotta per i Jethro Tull e una ricerca stilistica rinnovata nel segno di un hard rock capace di aprirsi anche a momenti acustici emozionanti e a diversi mix di suoni. “Benefit”, uscito l’anno prima, fu un successo per la formazione di Ian Anderson, capace di sfondare anche negli Stati Uniti, ma non convinse il pubblico più affezionato e neppure la critica. I dischi successivi sarebbero stati i monolitici “Thick as a Brick” del 1972 e “Passion Play” del 1973, per questo, con una lettura a posteriori, è evidente come “Aqualung” abbia costituito un punto di svolta importante nella lunghissima carriera della band, oltre a essere uno dei migliori album prodotti. Fu un grandissimo successo: disco di platino negli Stati Uniti, con più di 3 milioni di copie vendute, e disco d'oro nei principali paesi d'Europa fra cui l'Italia. La band oggi è ancora in attività, l'ultimo progetto con alcune canzoni inedite rimane "The Jethro Tull Christmas Album" del 2003. .

Il disco fu definito un concept album, nonostante Anderson abbia sempre respinto quest'intenzione. Nelle canzoni si ritrovano spesso i temi della vita, della critica alla società, oltre a un dialogo con Dio e a una messa in discussione delle religioni. I brani più significativi in questo senso sono “Aqualung”, canzone capolavoro del progetto, “Cross-Eyed Mary”, “My God”, “Hymn 43” e “Locomotive Breath”. Al centro della narrazione c’è Aqualung, un vecchio vagabondo dal respiro affannoso, il cui nome è dato dal respiratore che utilizza e che, per il suo modo di essere e di porsi, è percepito dalla gente comune come un pericolo, un potenziale molestatore che lancia strane occhiate alle ragazzine. Il rifiuto della povertà si accompagna spesso all’incomprensione, parte da qui la critica sociale della band britannica. Proprio il celebre attacco della title-track, un riff di chitarra potente e incisivo, apre il sipario sulla storia del clochard Aqualung, è la porta d’ingresso al disco. Un altro moment, musicalmente e testualmente rilevante, è rappresentato da “My God”, un brano epico del gruppo, un’invettiva cruda e satirica contro l’ipocrisia del cristianesimo scandagliata attraverso un iniziale riff di chitarra acustica che arriva a contaminarsi perfino con i canti gregoriani.

“Aqualung” colpì il pubblico anche grazie alla celebre copertina raffigurante un barbone, molto somigliante al leader del gruppo Ian Anderson. L'immagine, una delle più famose nella storia del rock, impressionò sin da subito per la crudezza dell'espressione e dello sguardo del volto del protagonista, cui fa da contraltare un manifesto che reclamizza eleganti e dispendiose vacanze natalizie. L’idea di “Aqualung”, il personaggio del disco, nacque dalle foto di homeless scattate a Londra da Jennie Franks, all’epoca moglie di Ian Anderson nonché co-autrice del brano che dà il titolo all’album. La copertina fu realizzata da Burton Silverman, ispirato dalle foto della Franks.

Anche a livello di formazione non mancarono delle novità. Questo è l’ultimo album per il batterista Clive Bunker, nel gruppo vennero reclutati due elementi nuovi, o quasi nuovi. Il primo fu il bassista Jeffrey Hammond Hammond, vecchio amico di Anderson che rimpiazzò Glenn Cornick. In seguito abbandonerà il gruppo per dedicarsi alla sua vera vocazione: la pittura. Alle tastiere entrò nella band un’altra vecchia conoscenza di Anderson, John Evan. Tutti i componenti contribuirono a creare un album, sotta la direzione di un monumentale Ian Anderson, dall’atmosfera immediatamente riconoscibile ancora oggi dopo cinquant’anni.

Lato A – Aqualung
Aqualung – 6:31
Cross-Eyed Mary – 4:06
Cheap Day Return – 1:21
Mother Goose – 3:51
Wond'ring Aloud – 1:53
Up To Me – 3:14

Lato B – My God
My God – 7:08
Hymn 43 – 3:14
Slipstream – 1:13
Locomotive Breath – 4:23
Wind Up – 6:01

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.