Abbiamo provato ad ascoltare il nuovo singolo di Ultimo

Una nuova canzone, un nuovo team di lavoro, una nuova etichetta discografica. Il cantautore romano torna sulle scene e cambia tutto. O quasi.
Abbiamo provato ad ascoltare il nuovo singolo di Ultimo

Un nuovo singolo, un nuovo team di lavoro, una nuova etichetta discografica. Ultimo torna sulle scene e cambia tutto, o quasi. A distanza di nove mesi da "Tutto questo sei tu" esce oggi "22 settembre", primo brano pubblicato dalla Ultimo Records, l'etichetta lanciata dal 24enne cantautore romano - oggi seguito come management da Max Brigante, dj e speaker radiofonico già al fianco di Elodie - dopo la rottura con Honiro, quella che lo scoprì e lo affiancò nella scalata al successo da "Pianeti" a "Colpa delle favole". Il singolo apre un nuovo capitolo della carriera di Ultimo, che negli ultimi tre anni (quelli trascorsi dall'uscita dell'album d'esordio "Pianeti") non si è praticamente mai fermato tra dischi (tre in un anno e mezzo) e tour (in un anno è passato dai club allo Stadio Olimpico), correndo spesso il rischio di bruciare le tappe e di finire sovraesposto. Ma nel voltare pagina il cantautore riprende nei suoni, nelle atmosfere e nell'immaginario il discorso proprio lì dove lo aveva interrotto con "Tutto questo sei tu".

"22 settembre" è una ballata classica, sulla falsariga di "Ti dedico il silenzio", "I tuoi particolari" e "Piccola stella", quelle che in questi ultimi anni hanno permesso a Ultimo di diventare con la sua scrittura romantica e nostalgica l'idolo delle giovanissime, un Marco Masini degli Anni Duemilaventi. Andatevi pure a riascoltare i successi più melodici del cantautore toscano, da "T'innamorerai" a "Principessa", oggi considerate ballate pop per antonomasia degli Anni Novanta, all'epoca colonna sonora della quotidianità delle ragazzine e dei loro piccoli problemi di cuore, e provate a confrontarli con quelli di Ultimo, che pure non ha al suo fianco un paroliere illuminato come Giancarlo Bigazzi (c'era il suo zampino dietro i successi di Masini e negli Anni Duemila avrebbe lanciato con successo Fabrizio Moro, a sua volta mentore di Ultimo: tutto torna) ma deve alla voce di "Bella stronza" molto di più di quanto si pensi: "Ti va se ci lasciamo che torna il desiderio? / poi vieni qui vicino e raccontami un segreto", canta all'inizio della canzone. E nel ritornello, accompagnandosi al pianoforte: "Io la vita la prendo com'è / questo viaggio che parte da sé / che non chiede il permesso mai a me / io la vita la prendo com'è". La produzione è di Federico Nardelli, produttore del giro indie già al fianco di Gazzelle, Fulminacci e lo scorso anno di Ligabue per l'album "Start".

Caricamento video in corso Link

Torna il parco di San Basilio, periferia difficile della Capitale che ha dato i natali al cantautore, dove si incontrava con i suoi amici prima del successo, già menzionato in diverse sue canzoni ("Ricordo me in un parco a dire: mostra quanto vali"), tornano le frustrazioni ("E non essere mai affranto se un sogno non si svela") e la voglia di rivalsa sulle avversità ("Ho visto gente esclusa ridere a squarciagola"), tutte le immagini ricorrenti della sua scrittura, in una ballata che più che rappresentare una svolta dal punto di vista dello stile e della produzione punta piuttosto a consolidare il suo successo. In attesa del nuovo album e del tour negli stadi, già in programma quest'estate (con tappa speciale al Circo Massimo di Roma) ma poi rinviato al 2021 a causa dell'emergenza epidemiologica

Dall'archivio di Rockol - Intervista al vincitore delle nuove proposte di Sanremo
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
4 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.