Kim Thayil (Soundgarden): 'Il tributo a Chris Cornell? Imbarazzante, ma...'

Il chitarrista ha pareri contrastanti sull'evento 'I Am The Highway'. E promette nuova musica con i suoi ex compagni di gruppo...
Kim Thayil (Soundgarden): 'Il tributo a Chris Cornell? Imbarazzante, ma...'

Il chitarrista dei Soundgarden Kim Thayil ha ammesso di sentirsi combattuto riguardo a "I Am The Highway", il concerto tributo in memoria dello scomparso leader della band di "Superunknown" e degli Audioslave Chris Cornell tenuto il 16 gennaio del 2019 a Los Angeles. "La cosa migliore dell'intera faccenda è stata suonare di nuovo le nostre canzoni con Matt [Cameron] e Ben [Shepherd]", ha spiegato a Kerrang l'artista circa la serata, che ha visto la partecipazione di - tra gli altri - Foo Fighters, Metallica, Josh Homme, Perry Farrell e Miley Cyrus: "E l'altra cosa bella è stata la presenza di ospiti e amici. Per il resto è stato, per certi versi, scomodo. Una specie di stronzata".

"Si trattava di una ferita ancora aperta, e nessuno di noi era entusiasta di farla", ha aggiunto Thayil: "Non vedevamo l'ora di suonare, tutti insieme, le canzoni per il pubblico. Il bello era vedere il nostro gruppo insieme alla nostra famiglia e ai nostri amici. La visione di tutti noi, insieme, è stata di amore puro. Eravamo tutti felici, con le lacrime agli occhi. La famiglia dei Soundgarden era di nuovo unita, facendo quello che facevano i Soundgarden per onorare un nostro amato elemento che era scomparso. Era quella la cosa importante".

"Per il resto - la natura stessa della celebrità, la promozione dell'iniziativa e il clamore mediatico suscitato - erano tutte stronzate. E sapevamo bene che sarebbe stata una stronzata farlo. Lo abbiamo fatto per noi stessi, e per sostenere l'eredità di Chris. Ma c'era qualcosa di imbarazzante e poco intimo in questo. Per me è stato difficile farci i conti, ma sono comunque contento di averlo fatto, per i nostri amici e per la nostra famiglia".

Thayil ha parlato anche del ritorno alla normalità dopo la tragica scomparsa di Cornell, avvenuta nel 2017: "Matt è ancora attivo con i Pearl Jam, e continua a scrivere e registrare, il che è un bene. Io sto cercando di tornare sulla Terra: troveremo una nostra strada, ci lasceremo tutto alle spalle e torneremo a registrare cose nuove. Spero di farlo con Matt e Ben". L'artista potrebbe riferirsi ai Nude Dragon, entità - per il momento confinata nell'universo social - che potrebbe vedere coinvolti i tre elementi superstiti dei Soundgarden.
 

Dall'archivio di Rockol - La reunion: intervista a Chris Cornell e Ben Shephard
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.