Paolo Conte, le canzoni dell’album d’esordio: “Wanda (Stai seria con la faccia...)”

Era l’ottobre del 1974 quando veniva pubblicato dalla RCA il disco d’esordio di un cantautore allora semisconosciuto. Lo ripercorriamo canzone per canzone.
Paolo Conte, le canzoni dell’album d’esordio: “Wanda (Stai seria con la faccia...)”

La guerra è finita da poco, Paolo Conte ha 8 anni e prova per la prima volta nuove ebbrezze, come “il mare, le banane e il pane bianco”. La madre Tina (“aveva un naso grosso come il mio, era affascinante, femminile, simpatica”) carica Paolo sul cassone di un camion dell’amico Ferruccio e della moglie Wanda, e sale in cabina con in braccio il piccolo Giorgio. Destinazione: il mare. Da Asti a Rapallo occorrono otto ore filate e in tutto quel tempo Paolo resta in compagnia di un manipolo di giovani passeggere che salgono e scendono dal retro del camion: tornano dai loro fidanzati o dai loro parenti tra case spesso devastate dai bombardamenti. Nel turbamento di un bambino vispo e curioso resta impressa la figura di quella persona affiancata alla madre e quel nome retrò, Wanda, legata alle sensazioni forti del “mare paradisiaco di Paraggi” e di quel “panino alla banana” gustato sulla spiaggia. “Intanto io rifletto chi lo sa? Forse la vita è tutta qua”. Come in una macchina del tempo, Conte teletrasporta le sue riflessioni infantili a una maturità che non cambia stupore né gratitudine. E così lui è cresciuto mentre la “sua” Wanda è rimasta fonte di conforto e, addirittura, di felicità e di trasgressione, quella per esempio di portarla in un “ristorante in riva al mare” dove c’è “il vino bianco fresco” che “va giù bene come questo cielo grande su di noi”, fino a dare scandalo. “Wanda”, con il sottotitolo che va e che viene a seconda della versione (“stai seria con la faccia...”), potrebbe essere il seguito di “Azzurro” di cui condivide il ritmo e un’assonanza nel refrain, ma soprattutto “il pugno di felicità” che squarcia la malinconia, reso con un linguaggio, e con un incedere musicale, marciabile, popolare, commovente, credibile, che rende anche il doppio avversativo (“ma però”) del tutto naturale e accettabile, un po’ come lo sdoganamento di “all’incontrario” in Azzurro: “Stai seria con la faccia ma però ridi con gli occhi io lo so”. Sembrerebbe un motivetto da fischiettare, eppure sotto c’è un universo musicale ricercato e tumultuoso, anche a giudicare dalle 25 (venticinque) pagine dedicate a questa canzone da Manuela Furnari nel suo saggio “Prima la musica”. Ecco un granello: “Efficace è il passaggio tra il salto di quarta discendente Fa-Sib e il salto di sesta ascendente Fa-Re, ottenuto sfruttando abilmente una cadenza evitata: sul Sib, anziché la risoluzione dell’accordo di tonica (I), è posto l’accordo di sottodominante (IV) che non risolvendo, allunga e rafforza l’attesa per l’accordo di I grado che arriva solo sul Re”. Roba da farci sentire tutti come “pezze da piè”.

Federico Pistone

 

Caricamento video in corso Link

 

Domani scriveremo di “Sindacato miliardari”

 

Il testo qui pubblicato è tratto, per gentile concessione dell’autore Federico Pistone e dell’editore, da “Tutto Conte – Il racconto di 240 canzoni” (Arcana, 224 pagine, euro 16,50). (C) Lit edizioni di Pietro D'Amore s.a.s.

 

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/6JMDRw96UDkEwxPYkCteI-v3D7E=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/paolo-conte-pistone.jpg
Dall'archivio di Rockol - Paolo Conte - Un gelato al limon
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
12 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.