Adriano Celentano, la storia di “Svalutation”

Quest’estate vi raccontiamo le storie di 45 canzoni italiane che, pubblicate a 45 giri, hanno avuto successo fra gli anni Cinquanta e il Duemila.

Adriano Celentano, la storia di “Svalutation”

“Svalutation”: 1976, A.Celentano - G.Santercole - V.Pallavicini - L.Beretta, Ed. Margherita

A metà degli anni '70, l'anima "folk" e acustica di Celentano ('Yuppi du') combatte con la sua voglia di ritmo e di un ritorno alle origini che trova espressione in brani a elevato tasso percussivo come 'Prisencolinensinanciusol' o nei classici del rock rivisitati nell'album "Nostalrock" (curioso notare come nel 1975 John Lennon avrebbe compiuto un'operazione analoga nel disco "Rock'n'roll").

Alla fine quest'ultima tendenza prevale, e porta, nel 1976, a 'Svalutation', un rock costruito su una chitarra ritmica impeccabile e un incedere che oscilla tra Bill Haley (il rocker cui probabilmente Celentano deve di più dal punto di vista vocale) e l'Elvis Presley di 'Hound dog' e 'Jailhouse rock'.

Al di là della ritmica accattivante, il brano passa alla storia per il suo argomento: insieme a Gino Santercole, Luciano Berretta e a - a tanti anni da 'Azzurro' - Vito Pallavicini il "Molleggiato" se ne esce con una delle sue famose "encicliche" sulla realtà che lo circonda. Così, con un occhio all'Italia dello scandalo Lockheed e dei misteriosi "miniassegni", regala una rapida, divertente panoramica su inflazione, crisi petrolifera e degrado politico, senza dimenticare malcostume urbano e delinquenza. Schioccando le dita, Celentano riesce a rendere divertenti anche due o tre luoghi comuni dell'italiano medio ("Cambiano i governi niente cambia lassù" e il fatidico "…L'America è qua!"). Il colpo di genio rimane comunque il beffardo utilizzo del termine inglese: in risposta alla "austerity" invocata in quei giorni dal governo (primo passo verso la ormai abituale pratica di adottare un vocabolario anglosassone per suggerire che non c'è niente di strano, il fenomeno è già stato analizzato dai più abili esperti anglosassoni…), Celentano parla di "svalutation", "assassination" e, davanti a un incidente stradale, commenta laconico: "Che scontration!".

Il brano entra nella top ten italiana il 21 agosto 1976; ne uscirà tre mesi dopo, il 27 novembre: una permanenza lunghissima, senza mai tuttavia approdare al n.1, per il quale duellano per mesi due classici di quegli anni: 'Margherita' di Riccardo Cocciante e 'Non si può morire dentro' di Gianni Bella.

Molti anni dopo, nel 1992, la Rai invita il cantante a realizzare una trasmissione in due puntate che sancisce il suo ritorno in tv cinque anni dopo i celebri "sermoni" del Fantastico 1987. Il titolo del programma è 'Svalutation'. "Lo ha scelto una collaboratrice del direttore Angelo Guglielmi, pensando ad una mia vecchia canzone centrata su una precedente crisi. Ma sembra scritta adesso. Oggi la potrei riscrivere tale e quale: la crisi si presenta sempre con gli stessi segni", afferma Celentano alludendo al clima che, dopo le inchieste di "Mani Pulite", porterà alla cosiddetta "fine della Prima Repubblica".

Caricamento video in corso Link

Domani racconteremo la storia di “Prisencolinensinainciusol” di Adriano Celentano

Abbiamo pubblicato in precedenza:

Umberto Tozzi, la storia di “Gli altri siamo noi”

Raf, la storia di “Cosa resterà degli anni Ottanta”

Loredana Berté, la storia di “Non sono una signora”

Loretta Goggi, la storia di “Maledetta primavera”

Umberto Tozzi e Raf, la storia di “Gente di mare”

Dario Baldan Bembo, la storia di “Amico è”

Gianna Nannini e Edoardo Bennato, la storia di “Un'estate italiana”

Giuni Russo, la storia di “Un'estate al mare”

Enrico Ruggeri, la storia di “Il portiere di notte”

Morandi-Ruggeri-Tozzi, la storia di “Si può dare di più”

Sergio Caputo, la storia di “Un sabato italiano”

Fiorella Mannoia, la storia di “Caffè nero bollente”

Pooh, la storia di “Pensiero”

Heather Parisi, la storia di “Disco bambina”

Orietta Berti, la storia di “Fin che la barca va”

Adriano Celentano, la storia di “Soli”

Loredana Berté, la storia di “Sei bellissima”

Il testo qui sopra, scritto da Paolo Madeddu, è tratto, per gentile concessione del Gruppo Sugar, dal sito “Galleria della Canzone”, sul quale potete trovare le storie di più di 200 canzoni italiane di grande successo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.