Alex Lifeson (Rush) non si sente motivato a suonare dopo la morte di Neil Peart

Il chitarrista canadese racconta che, per la scomparsa del batterista, sta avendo qualche difficoltà a trovare conforto nella musica.
Alex Lifeson (Rush) non si sente motivato a suonare dopo la morte di Neil Peart

Il chitarrista della storica band canadese ha raccontato che, in seguito alla scomparsa del batterista e paroliere dei Rush Neil Peart - deceduto all’età di 67 anni lo scorso 7 gennaio - non è ancora riuscito a trovare conforto nella musica."È stato difficile", ha detto Alex Lifeson alla giornalista sportiva Ann Liguori, a margine di un’intervista per lo show “Talkin’ Golf” e ripresa dalla rivista statunitense Rolling Stone. "Dopo la scomparsa di Neil avvenuta a gennaio, ho suonato pochissimo la chitarra. Non mi sento ispirato e motivato”.

Lifeson ha spiegato di provare la stessa sensazione accusata dopo la morte della figlia adolescente di Peart, vittima di un’incidente stradale nel 1997, e a seguito della scomparsa della moglie del batterista, avvenuta nello stesso anno. “Non ho suonato per circa un anno [dopo questi avvenimenti]”, ha ricordato il chitarrista che ha aggiunto:

“Al momento non lo sento nel mio cuore. Ogni volta che prendo la chitarra, giocherello un po’ e la poso dopo dieci minuti. Normalmente, prenderei una chitarra e suonerei per un paio d'ore senza nemmeno rendermi conto che sto impiegando così tanto tempo. So che tornerà.”

Lo scorso 27 marzo la band canadese, per celebrare i quarant’anni dall’uscita del settimo album dei Rush - uscito originariamente il 14 gennaio 1980 - ha pubblicato la ristampa di “Permanent Waves”, contenente tracce live inedite e registrate durante le tappe del “Permanent Waves Tour”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.