Le brevi di oggi, 25 maggio: Shinedown, Mariella Nava, OneRepublic, Negramaro, Rancore

Esce un nuovo singolo degli Shinedown, uno di Mariella Nava e uno di Rancore. In vista l'uscita della collaborazione tra Negramaro e OneRepublic.
Le brevi di oggi, 25 maggio: Shinedown, Mariella Nava, OneRepublic, Negramaro, Rancore

E' uscito il nuovo singolo di Rancore “Razza aliena”. Un brano nato in poche ore per tentare di raccontare l’alienazione dovuta al periodo che stiamo vivendo. La canzone è stata registrata nell’armadio di casa con l’Sm58.

**********************************

La band statunitense degli OneRepublic ha deciso di posticipare la pubblicazione del nuovo disco “Human”, la cui uscita, in un primo tempo, era prevista per l’8 maggio. Il frontman del gruppo, Ryan Tedder, però, ascoltando, un giorno, un servizio alla CNN dove si racconta dell’Italia e dell’emergenza nel nostro paese, scopre la voce di Giuliano Sangiorgi, il leader dei Negramaro. Tedder ha quindi invitato la band salentina a collaborare con i OneRepublic e il prossimo 29 maggio uscirà “Better Days – Giorni Migliori”, risultato di questa collaborazione a distanza. A seguire potete ascoltare la canzone originale che sarà inclusa nel nuovo album degli OneRepublic.

*******************************

E' uscito il nuovo singolo – accompagnato da un video - inedito di Mariella Nava “Povero Dio”.

Spiega la cantautrice tarantina: “Povero Dio è una canzone che ha dovuto attendere il suo tempo per venire alla luce. Risultava difficile trovare spazio con quella parola, tanto forte da essere ingombrante. Dio, è una parola che torna, ma che mette sempre un po’ soggezione. È scomoda. Ci mette a nudo. E quante volte è stata usata a sproposito, travisandone completamente il senso. C’è un comandamento che dice di non nominarlo invano eppure sembra essere più lì, nei posti e nelle rappresentazioni sbagliate, che nelle preghiere. Dio. Allah. Buddha. Mettici il concetto che vuoi. La natura. Sono traduzioni, letture diverse, ma dentro c’è l’Universo, ci siamo noi, così come siamo e soprattutto come siamo diventati. Dio. Una parola che suona stonata come le campane in un tempo frenetico che non riusciva a dare più tempo a nessuno. E allora è giusto che nello stop generale, abbia trovato il suo posto. Tuona nel silenzio quella parola che intimamente, mai come in questo periodo, l'abbiamo sentita rimbombare nell’immagine di una piazza deserta, o posarsi sulle labbra, tra i denti, negli occhi, su un muro, in un pensiero, in una richiesta di aiuto, in una forza da trovare, in un perché a cui dare risposte, quando le risposte sono diventate rare, difficili e addirittura inesistenti. E diventa più grande adesso che ci dobbiamo rialzare più poveri. Nella paura, nel vuoto dell’incertezza, in una carezza che arriva da dentro, nel caldo di una speranza.’ Dio, che per me è quello Cristiano, ma che per qualcun altro è qualsiasi appiglio per farcela, per ritrovarsi, è quell’energia nuova da prendere, quella Fiducia intima necessaria per non sentirci soli e più miseri”..

*****************************************

Gli Shinedown hanno pubblicato il nuovo singolo dal titolo “Atlas Falls”. La canzone venne scritta otto anni fa durante le sessioni per l’album “Amaryllis ma non venne mai pubblicata. Ha così commentato il frontman della band della Florida Brent Smith: “La risposta ad ‘Atlas Falls’ è stata travolgente. Io, Barry, Zach ed Eric non ringrazieremo mai abbastanza la Shinedown Nation e tutti coloro che hanno supportato Direct Relief durante la pandemia COVID-19. La fede, l’amore e la dimostrazione di umanità sono stati semplicemente incredibili. ‘Atlas Falls’ ci ricorda che diamo il nostro meglio quando abbiamo bisogno l’uno dell’altro e che l’unico modo per superare tutto questo è restare uniti”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.