Mick Jagger replica all’affermazione di Paul McCartney su Beatles e Rolling Stones

Il frontman della band di ‘Let it bleed’ racconta il brano ‘Living in a ghost town’ e risponde all’affermazione dell’ex Bealte, secondo cui i Fab Four erano meglio degli Stones.
Mick Jagger replica all’affermazione di Paul McCartney su Beatles e Rolling Stones

Mick Jagger è intervenuto come ospite, grazie a un collegamento, allo show radiofonico di Zane Lowe su Beats 1 di Apple Music per promuovere il singolo dei Rolling Stones, “Living in a ghost town”, uscito a sorpresa ieri 23 aprile. A margine della chiacchierata il frontman degli Stones ha raccontato la nuova canzone della band britannica spiegando che, seppur scritta un anno fa, sembra descrivere la situazione attuale: “[La canzone] racconta il trovarsi in un luogo pieno di vita che poi, ora, è privo di vita. Quando sono tornato a quello che avevo scritto originariamente, era tutto pieno di riferimenti sulla peste e cose del genere, che non ho mai usato in realtà, ma erano tutte lì.”

A margine della chiacchierata con Zana Lowe Mick Jagger ha, inoltre, risposto all’affermazione di Paul McCartney secondo cui i Beatles erano meglio dei Rolling Stones. Il già cantante e bassista dei Fab Four, durante un recente scambio di battute telefonico con Howard Stern per l’emittente britannica SiriusXM, aveva affermato: “Gli Stones sono un gruppo fantastico”. Scherzando, poi, aveva aggiunto: “Amo gli Stones ma sono d’accordo con te, i Beatles erano meglio.”

Jagger, per replicare a McCartney, ha detto: “La grande differenza è che i Rolling Stones sono una band da grandi concerti in altri decenni e in altre aree, mentre i Beatles non hanno mai fatto un tour nelle arene, come il Madison Square Garden con un impianto audio decente.” Il frontman degli Stones ha poi aggiunto: “[I Beatles] si sono sciolti prima che il business dei tour iniziasse sul serio. Il business è iniziato nel 1969 e i Beatles non l’hanno mai vissuto. Hanno fatto un grande concerto, io c’ero, allo Shea Stadium. Hanno fatto quel live in uno stadio. Ma gli Stones sono andati avanti, abbiamo iniziato a fare i concerti negli stadi negli anni ’70 e li stiamo ancora facendo. Questa è la vera differenza tra questi due gruppi. Una band, incredibilmente e per fortuna, sta ancora suonando negli stadi mentre l’altra non esiste.”

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - Quella volta che i Rolling Stones subirono un attentato terroristico...
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.