Album da (ri)ascoltare, nel frattempo: l'Avocado dei Pearl Jam

Nel 2006 la band pubblica un disco di Rock con la R maiuscola, il progenitore più diretto di "Gigaton"

Album da (ri)ascoltare, nel frattempo: l'Avocado dei Pearl Jam

È uscito "Gigaton" dei Pearl Jam, e lo sapete: ve ne abbiamo parlato, e parecchio. Prima di recensirlo, ho fatto un esperimento: riascoltare tutti gli album della band del nuovo millennio, da "Riot act", per farmi un'idea di dove si colloca il nuovo album. L'idea che mi sono fatto è che "Lightning bolt", uscito quasi sette anni fa, non è invecchiato granché bene, e neanche "Backspacer": sono dischi "di genere", sperimentale (troppo) il primo, veloce e breve il secondo. "Riot act" rimane un gran disco, legato a due momento storici precisi (il post-11 settembre, e il post-Roskilde per la band).
L'album che più fa da riferimento e da pietra angolare per la band è "Pearl Jam", detto anche "Avocado" per via della copertina. L'ho riascoltato più volte e contiene alcuni dei momenti migliori della band degli ultimi 20 anni. Poi, certo, è facile dire che i Pearl Jam non sono più quelli di una volta, che le loro uscite recenti  non sono all'altezza della loro fama - vedo diversi fan o ex-fan che si lamentano, in questi giorni come hanno fatto anche in precedenza. Ma i Pearl Jam sono una band diversa, meno "urgente" ma più ragionata e con esperienza, che unisce la rabbia con una consapevolezza che evidentemente non puoi avere ad inizio carriera. Una rabbia meditata, come scrivemmo su Rockol al tempo di "Pearl Jam", che poi è lo stesso atteggiamento che rivediamo oggi. "Avocado", come "Gigaton", rimane un gran disco. E, secondo me, se volete capire meglio l'ultima uscita, è da qua che dovete partire. Ecco la recensione che pubblicammo nel 2006. Buona lettura e buon ascolto.

(Gianni Sibilla)

Preparatevi ad un altro pugno nello stomaco. Questo è “Pearl Jam”, nuovo eponimo disco della band di Seattle. Arriva a tre anni e mezzo di distanza da “Riot act”, reazione a caldo all’America post-11 settembre. “Pearl jam”, se vogliamo, è la reazione sulla lunga distanza: meno impulsiva, più meditata, ma non meno violenta e dissacrante. Anzi, ancora di più.

Meditata, dicevamo; in questi anni i PJ se ne sono stati tutt’altro che con le mani in mano: hanno suonato in mezzo mondo e pubblicato l’ormai consueta valanga di dischi dal vivo (alcuni solo in MP3 – vedi news e recensioni). E hanno scritto: tanto che le 12 canzoni di questo disco sono state pescate – si dice – da un parco di oltre 40 composizioni. Ci hanno messo parecchio a inciderle, tanto che dell’uscita di questo disco si parla da quasi un anno.
E’ valsa la pena aspettare. E, sì, sono confermate le voci che davano questo disco come un ritorno al rock. Non fraintendiamoci: i Pearl Jam fanno rock. Lo hanno sempre fatto, e anche l’ultimo “Riot act” non scherzava. Solo che “Pearl jam” contiene alcune delle canzoni più secche e dirette di sempre, che fanno venire in mente gli esordi. I riff, soprattutto: “Marker in the sand”, o “Comatose”, o il singolo “Worldwide suicide”, già abbondantemente sentito in rete: McCready e Gossard sembrano sbizzarrirsi. E poi la voce di Vedder, che sembra volutamente “spezzarsi” in più di un’occasione, cercare la rabbia più che il vibrato. Soprattutto la prima sembra una delle canzoni simbolo del disco, con la chitarra assassina e le aperture melodiche che rallentano improvvisamente, spiazzandoti. Non è un caso che i Pearl Jam, negli ultimi tempi, abbiano spesso suonato dal vivo brani di gruppi come gli X o i Dead Kennedys: la scuola californiana del punk, quella che univa la rabbia alla melodia.

Già, la melodia: “Pearl Jam” è un disco pieno di aperture melodiche: non mancano le classiche ballate, soprattutto “Come back”, dagli inediti toni soul, o la conclusiva “Inside job” o ancora “Gone”. Poche band sono in grado di creare in pochi minuti questa intensità, questi crescendo. Bellissimo il duetto chitarra acustica in “Inside job” e il crescendo della succitata “Gone”, già ascoltata in versione demo e live, che nella edizione di studio guadagna notevolmente dalla presenza della band.

Poi, ultimi ma non meno importanti, ci sono i testi. Rabbia meditata, dicevamo: “E’ nel sogno americano che sto smettendo di credere”, canta Vedder proprio in “Gone”. O ancora “Army reserve”, dedicata all’attesa del ritorno di un soldato dal fronte da una guerra inutile; o “Worldwide suicide”, o ancora “Life wasted”. “Pearl Jam” è un disco fortemente disilluso e fortemente rabbioso, e ci vorrà del tempo per smaltire tutti i pugni che Vedder e soci tirano nello stomaco di un sogno americano definitavamente crollato.
Insomma, il dato è uno, e uno solo: i Pearl Jam sono la vera rock band di questi anni. Indipendenti, non tanto discograficamente (paradossalmente, questo disco se lo pubblicano da soli, ma viene distribuito dalla loro vecchia casa discografica, la Sony che ha inglobato la BMG), ma di testa. Rabbiosi, incazzati e vogliosi di ribellarsi ad una società nella quale non ti riconosci più. E bravi: bravi a scrivere canzoni, a cantarle con passione. Ovvero, incarnano tutto quello che il rock deve essere, e ormai spesso non è più.

 

 

Dall'archivio di Rockol - La storia dei Pearl Jam: quella cassetta da San Diego
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.