Irama: 'Ora faccio canzoni fregandomene di ciò che funziona in classifica'

Il cantante (ri)lanciato nel 2018 da "Amici" torna con "Milano", prima anticipazione del suo nuovo album in studio, dopo il tormentone estivo "Arrogante" e il cambio di management: l'intervista.
Irama: 'Ora faccio canzoni fregandomene di ciò che funziona in classifica'

"Questa canzone l'ho scritta durante le registrazioni del mio nuovo album. Doveva uscire più in là, ma ho voluto pubblicarla ora perché volevo trasmettere un segnale positivo": Irama racconta così "Milano", la canzone che ha dedicato al capoluogo di una delle regioni più colpite dall'emergenza Coronavirus. Il cantautore lombardo l'ha pubblicata ieri, venerdì 27 marzo: devolverà tutti i proventi generati dal brano in beneficenza all'ospedale Niguarda. "Milano è la città dove vivo, un posto che mi ha accolto e che mi ha reso migliore, sia a livello artistico che umano. Vederla così è un vero pugno allo stomaco", spiega la voce di "Arrogante".

Non una canzone sul Coronavirus, specifica il cantante (ri)lanciato nel 2018 da "Amici", ma un brano che aveva nel cassetto da mesi, che sarà incluso nel nuovo album e che Irama ha deciso di pubblicare subito per tenere compagnia ai fan in questi giorni difficili: "Canzoni scritte apposta per cercare di ottenere visibilità pubblicando pezzi sul Coronavirus? C'è sempre qualcuno che sbaglia e che non agisce in maniera corretta. Ma c'è anche chi in questo periodo sta diffondendo cose belle. In questo momento ci vogliono messaggi positivi", riflette.

Al suo fianco Irama ha voluto un milanese doc: si tratta di Francesco Sarcina, il leader de Le Vibrazioni. Il videoclip che accompagna la canzone lo hanno girato a distanza, inviandosi per posta una vecchia videocamera: "Volevamo fare qualcosa di particolare, ma non potevamo incontrarci. Così abbiamo deciso di realizzare il video in maniera strana, cercando di raccontare una storia unendo i filmati che abbiamo registrato a distanza".

"Milano" arriva dopo il tormentone estivo "Arrogante" e inaugura un nuovo corso per la carriera di Irama, dopo il divorzio dall'ex manager Francesco Facchinetti: "A livello artistico non mi sono lasciato influenzare dagli eventi imprenditoriali.

La musica non deve avere a che fare con questioni manageriali, di contratto. Il nuovo disco racconta qualcosa che mi appartiene. Sono cresciuto come persona e anche musicalmente parlando. Ora sto scrivendo canzoni fregandomene di ciò che funziona in classifica, facendo ciò che mi piace". L'album è praticamente pronto: si tratta solo di finalizzarlo. Se ne riparlerà una volta superata l'emergenza Coronavirus: "Una parte l'abbiamo registrata in una villa tra la Lombardia e il Piemonte. Mi sono rinchiuso lì insieme ad alcuni amici musicisti, un team capitanato dal mio produttore Giulio Nenna. Vediamo cosa succederà quando riprenderemo il piano di lavoro".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.