Mabel: “La mia musica è divertente, è importante che aiuti le persone a sentirsi bene”

La 23enne cantante londinese racconta il suo album di debutto, che il prossimo 24 febbraio lo presenterà dal vivo anche in Italia, in occasione del concerto ai Magazzini Generali di Milano

Mabel Alabama Pearl McVey, in arte Mabel - cantautrice londinese - si è avvicinata alla musica da bambina e ha scritto la sua prima canzone a cinque anni. Dopo la pubblicazione del suo primo mixtape, “Ivy to roses”, il 2 agosto 2019 la 23enne cantante ha pubblicato il suo album d’esordio, “High expectations” (leggi qui la nostra recensione), anticipato dai singoli “Don’t call me up” e “Mad love”. Il prossimo 24 febbraio l’artista britannica presenterà il suo disco di debutto anche in Italia, in occasione del concerto ai Magazzini Generali di Milano.

Mabel, a margine dell’intervista per Rockol, racconta di essere sempre stata una persona ambiziosa e di non essersi mai voluta porre dei limiti. Il titolo della sua prima prova sulla lunga distanza prende spunto proprio dall’attitudine della cantante a voler puntare sempre in alto. Spiegando l’espressione “High expectations” - che in italiano significa “grandi aspettative” - Mabel dice: “Non mi piace pormi dei limiti, pensare ‘è così che deve andare’. Ok, voglio stare sul palco, voglio che la mia musica venga passata in radio e voglio che le persone si identifichino con ciò che esprimo.” E aggiunge: “Ci sono molte altre cose che voglio realizzare.”

Attraverso le quattordici tracce del disco, Mabel affronta diversi temi come l’amore e le difficoltà di una relazione, oltre a raccontare il rapporto delle persone con i social network. La cantante spiega di trarre ispirazione per le sue canzoni da tutto ciò che accade nella sua vita e nella vita delle persone che la circondano. “Traggo ispirazione continuamente e scrivo sempre. Così quando vado in studio c’è una base per una canzone e poi suono il piano.” Racconta Mabel, descrivendo anche il processo di scrittura dei suoi brani, e continua: “Molto spesso anche quando sono a casa butto giù qualche idea e poi quando sono in studio si tratta solo di lasciarsi andare.”

Proprio perchè ogni brano di “High expectations” tratta un tema specifico, ogni canzone del suo disco è importante per la cantante. Tra i suoi pezzi preferiti, Mabel cita “Bad behaviour”, “OK (Anxiety anthem)” e “I belong to me”. Di queste ultime due tracce la voce di "God Is a Dancer” dice: “OK (Anxiety Anthem)” è una canzone con un messaggio importante, come anche “I Belong To Me” che è alla fine dell’album per una ragione. Era un messaggio rivolto a me stessa dopo essere cresciuta molto come persona e dopo diverse relazioni. Mi sono detta ’Ok, ora ho capito’.” E aggiunge: “E l’album racconta la consapevolezza che la relazione più importante che potrò mai avere è quella con me stessa.”

“La mia musica è sicuramente divertente, una delle cose importanti è che aiuti le persone a sentirsi bene con se stesse.”  Narra Mabel e continua: “È piena di energia.” La cantante, però, evidenziando quanto le sue canzoni raccontino di ciò che accade nella sua vita, narra: “La mia musica consiste nell’essere autentici.”

Figlia di Neneh Cherry e del già collaboratore dei Massive Attack Cameron McVey, la giovane artista londinese si è avvicinata alla musica fin da piccola e - essere sempre stata circondata da persone creative, da strumenti musicali e frequentando già da bambina gli studi discografici - ha realizzato fin dall’infanzia che voleva fare la cantante.

Mabel narra: “Stavo seduta ore a guardare video musicali e dicevo: ‘O mio Dio, voglio farlo’.”

Il prossimo 24 febbraio Mabel porterà la sua musica dal vivo anche nel nostro Paese e sarà di scena ai Magazzini Generali di Milano. La cantante, a proposito, dice: “Sono molto emozionata per questo.” Parlando di come lavora in vista di uno spettacolo dal vivo, Mabel spiega: “Come performer, cerco sempre nuove idee per migliorare lo spettacolo. Il mio concerto è sicuramente pieno di energia. I miei ballerini portano in scena un’energia fantastica.” E, svelando qualche dettaglio in più sul suo show, aggiunge:  “Eseguirò brani tratti dal mio album che non ho mai presentato prima. Ovviamente le persone non vogliono venire e ascoltare i dischi esattamente come sono. Bisogna suonare, portare in scena qualche intermezzo e creare davvero un momento.” Mabel conclude dicendo: “Dall’inizio alla fine è come un viaggio, di cui sono davvero entusiasta.”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.