Grammy Awards 2020: trionfo per Billie Eilish. Il resoconto completo della serata

Il resoconto completo, in diretta, della sessantaduesima edizione della 'music's bigget night'

Grammy Awards 2020: trionfo per Billie Eilish. Il resoconto completo della serata

ore 05.40: Si giunge, infine, ai premi più importanti dei Grammy Award. Billie Eilish si porta a casa anche il premio nella categoria Album of the Year per "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?". Nella categoria Record of the Year ad avere la meglio è ancora Billie Eilish, grazie a "Bad Guy". E con il trionfo della giovanissima popstar californiana si conclude la sessantaduesima edizione della "music's biggest night".

ore 05.20: Alicia Keys e Brittany Howard (la leader degli Alabama Shakes) eseguono "Underdog", il nuovissimo singolo della cantante newyorchese estratto dall'album (di prossima pubblicazione) "Alicia". Sharon e Ozzy Osbourne presentano il premio per la categoria Best Rap/Sung Performance, che viene assegnato a DJ Khaled per "Higher", il brano eseguito poco prima sul palco dello Staples Center registrato insieme a Nipsey Hussle e John Legend. Viene poi il turno di H.E.R., chiamata sul palco dell'arena losangelina per eseguire "Sometimes", alla quale segue Bonnie Raitt, che propone al pubblico - come tributo a John Prine - la sua versione di "Angel from Montgomery", apparsa per la prima volta sull'eponimo album di debutto del cantautore di Maywood, Illinois, del 1971.

Gary Clark Jr. sale sul palco con i Roots per eseguire la sua "This Land", title track del suo ultimo album: la performance - molto convincente - lascia spazio alla clip con la quale si ricordano gli artisti scomparsi durante l'anno, e, in un secondo momento, all'assegnazione del premio nella categoria Best New Artist, che viene consegnato a Billie Eilish.

In onore del produttore dei Grammy Awards Kenneth Ehrlich sul palco salgono Camila Cabello, Ben Platt, Cyndi Lauper, John Legend, Joshua David Bell, Debbie Allen, Misty Copeland, Gary Clark Jr., Lang Lang, Lee Curreri, Common e Tanya Blount, per eseguire una versione corale di "I Sing the Body Electric", brano incluso nella colonna sonora del film del 1980 "Fame" ("Saranno famosi").

ore 04.40: Al tributo dal vivo allo scomparso Nipsey Hussle prendono parte DJ Khaled, Kirk Franklin, John Legend, Meek Mill, Roddy Ricch e YG (la cui presenza è stata confermata nonostante la vicenda giudiziaria che l'ha visto - suo malgrado - protagonista nel corso del passato fine settimana): il brano scelto per omaggiare il rapper rimasto vittima di una sparatoria lo scorso 31 marzo a Los Angeles è "Higher", canzone inserita da Dj Khaled nel suo album del 2019 "Father of Asahd" alle session di studio della quale avevano preso parte gli stessi Hussle e Legend.

Durante il set è stato proposto un omaggio anche a Kobe Bryant:

Tocca poi a Rosalía: la star spagnola propone un set fortemente ispirato al flamenco durante il quale vengono eseguite "Juro Qué" e "Malamente" (dal suo secondo album del 2018 "El mal querer").

Viene il momento della premiazione della categoria Song of the Year - uno dei premi più ambiti dei Grammy, dedicato agli autori: la statuetta viene consegnata a Billie Eilish e Finneas O'Connell per "Bad Guy", che "battono" i team di altre favorite come Taylor Swift, Lizzo e Lady Gaga.

ore 04.15: Nella categoria Best Rap Album il premio va a Tyler the Creator (per "Igor"), che sale sul palco a ritirare il premio in compagnia della madre. Tocca poi a Lil Nas X, che esegue (su una curiosa scenografia "rotante") la sua notissima hit "Old Town Road" in compagnia - oltre che di Billy Ray Cyrus, già presente nella versione in studio - anche di BTS, Diplo e Mason Ramsey, e "Rodeo" con Nas.

Demi Lovato viene chiamata in scena per eseguire "Anyone", attaccata non senza una piccola incertezza subito recuperata: il brano è stato scritto dalla cantante di Albuquerque dopo l'overdose della quale rimase vittima nell'estate del 2018. Il pubblico saluta il set con una sentita ovazione.

ore 03.45: Ariana Grande si prende la scena per eseguire "Imagine" (da "Thank U, Next" del 2018), "My Favorite Things" (brano scritto per il musical "The Sound of Music" da Richard Rodgers e Oscar Hammerstein II), "7 Rings" (anche quest'ultima da "Thank U, Next") e anche la stessa "Thank U, Next".

Uno dei momenti più attesi della sessanduesima edizione della "music's biggest night" è senza dubbio la performance di Billie Eilish: la giovane popstar californiana, ovviamente accompagnata dal fratello Finneas, propone per il suo set "When the Party's Over". Il palco viene poi occupato dagli Aerosmith e dai Run-DMC per una versione dal vivo della leggendaria "Walk This Way" (che nella versione del 1986 aprì la strada alla commistione tra rock e rap), preceduta da "Livin' on the Edge", durante la quale Steven Tyler e Joe Perry scendono in platea. L'arrivo sotto i riflettori dei RUN DMC è accolto con un boato dal pubblico dello Staples Center: in platea, Flavor Flav dei Public Enemy è scatenato. Il set, senza dubbio, è uno dei più apprezzati della serata.

ore 03.15: Viene assegnato il premio nella categoria Best Country Duo/Group Performance: a vincere è "Speechless" di Dan + Shay. Subito dopo la Keys introduce il tributo a Prince che ha per protagonisti FKA Twigs, la percussionista Sheila E. e Usher: si parte con "Little Red Corvette", cantata dall'artista di Dallas, per proseguire poi con "When Doves Cry" e "Kiss".

Tocca poi a Camila Cabello, che sul palco dello Staples Center esegue "First Man", dall'album "Romance" del 2019 - commuovendo il padre in platea. Subito dopo è la volta di Tanya Tucker e Brandi Carlile, che si producono in un'interpretazione di "Bring My Flowers Now", brano dalla cantante texana già premiato nella prima parte della cerimonia con il Grammy come Best Country Song. Si passa alla premiazione nella categoria Best Comedy Album, dove a vincere è Dave Chappelle con "Sticks & Stones".

ore 02.45: Tyler The Creator, accompagnato dai Boyz II Men, esegue "Earfquake", brano incluso nel suo album più recente, "Igor", pubblicato nel maggio dello scorso anno, e "New Magic Wand". Il set è coinvolgente e ben congeniato, sia dal punto di vista musicale che scenograficamente.

ore 02.35: La Keys, al pianoforte, tiene un breve discorso sulla parità tra generi e sulla potenza della musica, salutando dal palco Billie Eilish e Ariana Grande, per poi accennare una canzone - sulle note di "Somebody You Loved" di Lewis Capaldi - che cita alcuni degli artisti attesi sul palco dello show - Rosalia, BTS, Jonas Bros e altri. Subito sotto i riflettori si presentano i Jonas Brothers: il trio di Wyckoff, New Jersey, esegue in acustico il nuovo singolo "What a Man Gotta Do". Si passa poi alla premiazione della categoria Best Pop Solo Performance, dove a vincere è Lizzo, con "Truth Hurts". La rapper nata a Detroit è accolta dalla platea con una standing ovation.

ore 02.15: La seconda parte - quella principale, ospitata dallo Staples Center di Los Angeles - dei Grammy Awards 2020 inizia con la performance di Lizzo, che dedica subito un pensiero a Kobe Bryant, l'ex star dell'NBA scomparsa in un incidente aereo poche ore prima dell'inizio della cerimonia: la cantante nata a Detroit esegue, accompagnata da un'orchestra e da un nutrito corpo di ballo al femminile, "Cuz I Love You" e "Truth Hurts", producendosi anche un assolo al flauto traverso. Terminato il suo set, la presentatrice Alicia Keys sale sul palco: "Devo essere sincera con voi: sono molto triste. Los Angeles, l'America e tutto il mondo hanno perso un eroe, questa mattina", ha spiegato l'artista riferendosi a Kobe Bryant, "Vorrei chiedere a tutti un momento di riflessione e di supporto alla sua famiglia. Non avrei mai immaginato di iniziare questa serata così". Ed esegue a cappella, insieme ai Boyz II Men, un omaggio musicale, il classico della Motown "It's So Hard to Say Goodbye to Yesterday".

Subito dopo salgono sul palco Blake Shelton e la già leader dei No Doubt Gwen Stefani, che eseguono in duetto "Nobody But You", brano già inserito dai due artisti sull'album del 2004 "Blake Shelton's Barn & Grill".

ore 00.50: A "Old Town Road" di Lil Nas X featuring Billy Ray Cyrus viene assegnato il premio nella categoria Best Pop Duo/Group Performance, mentre Elvis Costello - con "Look Now" (registrato con gli Imposters), soffia ad Andrea Bocelli (in gara con "Sì") la statuetta come Best Traditional Pop Vocal Album. Billie Eilish conquista il premio nella categoria Best Pop Vocal Album (ovviamente con "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?"), e suo fratello Finneas - sempre per lo stesso album - la statuetta come Producer of the Year. Si conclude così la Premiere Ceremony: la serata di gala dei Grammy Awards riprenderà allo Staples Center a partire dalle 02.00 (ora italiana).

ore 00.35: L'ultima tranche di premiazioni è aperta dalla performance di Yola, che esegue "Faraway Look", title track dell'album pubblico dalla cantante britannica nel 2018.

Gary Clark Jr., sempre con "This Land", si aggiudica il secondo Grammy della serata nella categoria Best Rock Performance, mentre i Tool si portano a casa il premio come Best Metal Performance per "7empest", brano di chiusura della più recente fatica in studio della band di Maynard James Keenan, "Fear Inoculum": il batterista della formazione, Danny Carey, ritirando il premio ricorda dal palco Neil Peart, il batterista dei Rush scomparso da poco. Gary Clark Jr. fa il tris, conquistando il premio anche nella categoria Best Rock Song - sempre con "This Land". A spuntarla, nella categoria Best Rock Album, sono i Cage the Elephant con "Social Cues", mentre il premio come Best Alternative Music Album viene assegnato ai Vampire Weekend per "Father of the Bride". Anderson .Paak e il già Outkast André 3000 si aggiudicano il premio come Best R&B Performance per "Come Home", battendo la favorita Lizzo, in corsa nella stessa categoria con "Exactly How I Feel". La rapper di Detroit si rifà vincendo nella categoria Best Traditional R&B Performance con "Jerome" e in quella Best Urban Contemporary Album con "Cuz I Love You".

ore 23.30: La veterana star della disco Gloria Gaynor, indimenticabile voce di "I Will Survive", vince il premio nella categoria Best Roots Gospel Album per il disco "Testimony". La catalana Rosalía si aggiudica il premio come Best Latin Rock, Urban or Alternative Album per il suo "El Mal Querer". Il primo (e al momento unico) pari merito della serata si registra nella categoria Best Tropical Latin Album, per la quale viene assegnato un ex aequo a "Opus" di Marc Anthony e "A Journey Through Cuban Music" di Aymée Nuviola. Il premio nella categoria Best Rap Performance viene assegnato postumo a Nipsey Hussle per "Racks in the Middle"

ore 23.05: Esperanza Spalding vince il premio come Best Jazz Vocal Album per "12 Little Spells", mentre Chick Corea e la Spanish Heart Band - visti poco prima sul palco nelle vesti di performer - si portano a casa la statuetta come Best Latin Jazz Album grazie a "Antidote". Al veterano del country Willie Nelson viene assegnato il premio come Best Country Solo Performance per "Ride Me Back Home". Chiude la stringa di premiazioni Angelique Kidjo, che esegue sul palco del Microsoft Theater "Afirika", brano tratto dall'album del 2002 "Black Ivory Soul".

ore 22.40: Gary Clark Jr., con "This Land", si aggiudica il premio per il Best Contemporary Blues Album. La giovanissima cantante giamaicana Koffee vince la statuetta come Best Reggae Album per il suo "Rapture". L'ex first lady Michelle Obama conquista la palma di Best Spoken Word Album grazie a "Becoming", mentre i Chemical Brothers fanno gli assi pigliatutto nelle categorie dedicate alla dance, aggiudicandosi sia il premio Best Dance Recording con "Got to Keep On" (battendo, tra gli altri concorrenti, anche i nostri connazionali Meduza, in gara con "Piece of Your Heart") che quello come Best Dance/Electronic Album grazie a "No Geography". La stringa delle premiazioni è chiusa dalle I'm With Her, che si producono in un'intensa interpretazione della loro "Call My Name":

ore 22.20: Chick Corea si esibisce dal vivo con la sua Spanish Heart Band, l'ensemble col quale il maestro del jazz americano ha pubblicato il suo ultimo progetto discografico, "Antidote": il brano proposto al pubblico è "Armando's Rhumba", tratto dall'album di Corea My "Spanish Heart" del 1976.

ore 22.10: Il fratello di Billie Eilish Finneas O'Connell vince - insieme a Rob Kinelski e John Greenham il premio come Best Engineered Album (Non-Classical) per "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?", mentre la palma di Best Music Video se la porta a casa la clip di "Old Town Road" di Lil Nas X & Billy Ray Cyrus. Beyoncé vince il premio nella categoria Best Music Film per "Homecoming".

ore 22.00: Il premio per Best Compilation Soundtrack for Visual Media va a Lady Gaga e Bradley Cooper per la colonna sonora del film del 2018 "A Star Is Born", mentre la statuetta come Best Score Soundtrack for Visual Media viene assegnata all'islandese Hildur Guðnadóttir per la colonna sonora della serie "Chernobyl". Nella categoria Best Song Written for Visual Media ad avere la meglio è "I'll Never Love Again", brano scritto da Lady Gaga con Natalie Hemby, Hillary Lindsey e Aaron Raitiere per la colonna sonora di "A Star Is Born", già premiata come Best Compilation Soundtrack for Visual Media.

ore 21.40: L'Attuale ceo (ad interim) della Recording Academy Harvey Mason Jr. ricorda con un minuto di silenzio l'ex star dell'NBA Kobe Bryant, morto in un tragico incidente di elicottero a Calabalas, Los Angeles, poco prima dell'inizio della cerimonia. Imogen Heap si presenta sul palco alternando frasi da presentatrice "istituzionale" a intermezzi cantati con un sottofondo musicale ambient apparentemente controllato da due sensori posti ai polsi dell'artista.

ore 21.30: Ha preso il via al Microsoft Theater di Los Angeles la prima parte dell'edizione 2020 dei Grammy Awards: durante la Premiere Ceremony saranno assegnati la maggior parte dei premi previsti dalla sessantaduesima edizione della "music's biggest night", quelli "tecnici" (ovvero riservato ai professionisti come produttori, tecnici di studio e designer) e quelli considerati "minori" (ovvero riservati ad ambiti particolari come generi locali, religiosi, classici e jazz, oltre che a rock, elettronica, metal e hip hop). La cerimonia - che terminerà intorno alle 12,30 - ora italiana - sarà presentata da Imogen Heap, cantautrice britannica già voce dei Frou Frou nota al pubblico italiano essenzialmente per il singolo "Hide And Seek", singolo originariamente inserito nell'album del 2005 "Speak for Yourself".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.